Lunedì 22 giugno il Consiglio Valle discuterà il rendiconto e l’assestamento di bilancio della Regione e la terza legge di aiuti per la crisi provocata dal “covid-19”

Le riunioni delle Commissioni in Consiglio Valle
Le riunioni delle Commissioni in Consiglio Valle

– PUBBLICITÀ –

Il Consiglio Valle è convocato in sessione straordinaria e urgente a partire da lunedì 22 giugno 2020 e giorni successivi, dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 15 alle 20, per esaminare un ordine del giorno composto di sette oggetti. La riunione si terrà in presenza nell’Aula consiliare.

In particolare i consiglieri saranno chiamati ad approvare il rendiconto generale 2019 della Regione, il provvedimento di riconoscimento dei debiti fuori bilancio e l’assestamento al bilancio di previsione della Regione per il 2020 che contiene le misure urgenti per contrastare gli effetti dell’emergenza epidemiologica da “covid-19”.
In discussione vi sono anche il rendiconto della gestione 2019 e l’assestamento del bilancio di previsione 2020 del Consiglio regionale, il bilancio al 31 dicembre 2019 della Gestione straordinaria in liquidazione per l’esercizio della Casa da gioco di Saint-Vincent, ai sensi della legge regionale n. 88 del 1993, e la nomina dei rappresentanti della Regione in seno al Comitato scientifico della Fondazione centro internazionale su diritto, società e economia di Courmayeur.

Nella mattinata di venerdì 19 giugno, la seconda Commissione “Affari generali” e la quinta Commissione “Servizi sociali” del Consiglio Valle hanno espresso parere favorevole a maggioranza sull’assestamento al bilancio di previsione della Regione per il 2020 che contiene le norme dirette a contrastare gli effetti negativi dell’emergenza sanitaria da “covid-19”. Il disegno di legge è stato approvato in seconda Commissione con il voto contrario dei gruppi “Vdalibra” e Lega VdA e l’astensione del “Movimento 5 Stelle”, mentre in quinta Commissione, che ha esaminato la parte relativa alla sanità, i Consiglieri del “M5S” e della Lega VdA si sono astenuti. Sul testo è stata depositata una cinquantina di emendamenti, di cui nove approvati dalla seconda Commissione.
La seconda Commissione ha anche espresso parere favorevole a maggioranza, con l’astensione dei gruppi Lega VdA, “M5S” e “Vdalibra”, sul rendiconto della Regione 2019 e sul provvedimento di riconoscimento dei debiti fuori bilancio.

Relatori dei provvedimenti saranno, per la seconda Commissione, il consigliere dell’Union Valdôtaine Erik Lavevaz e, per la quinta Commissione, il consigliere unionista Flavio Peinetti. «Oggi, per senso di responsabilità – riferisce il presidente della seconda Commissione, Pierluigi Marquis, della Stella Alpina – il terzo pacchetto di misure anticrisi è stato approvato: è stato un voto “tecnico” per far proseguire l’iter di un testo che, altrimenti, nel merito, non avrebbe avuto i numeri per arrivare in Aula e che dovrà essere migliorato durante la discussione in Consiglio, attraverso emendamenti capaci di dare risposte adeguate al tessuto produttivo. Non è sufficiente rimpinguare i capitoli di spesa già esistenti nel bilancio, ma occorrono interventi nuovi a sostegno dell’economia».
«Per quanto riguarda l’articolato dedicato alla sanità – aggiunge dice la presidente della quinta Commissione, Patrizia Morelli, di Alliance Valdôtaine – i provvedimenti sono volti a fronteggiare le difficoltà che si sono determinate nella gestione dell’emergenza sanitaria: il miglioramento dell’attrattività per rispondere alle carenze degli organici dei medici, il bonus “covid-19” per il personale dell’Azienda Usl coinvolto nell’emergenza oltre che per chi ha prestato servizio nelle microcomunità e nell’assistenza domiciliare in capo alle Unités des Communes e al Comune di Aosta, l’abolizione del superticket sono alcune delle misure che riconoscono non soltanto l’importanza del settore ma anche il valore di chi è stato maggiormente impegnato in questi mesi».

La seconda Commissione ha inoltre espresso parere favorevole a maggioranza, con l’astensione dei gruppi “M5S” e “Vdalibra”, sul bilancio al 31 dicembre 2019 della Gestione straordinaria in liquidazione per l’esercizio della Casa da gioco di Saint-Vincent, ai sensi della legge regionale n. 88 del 1993.
I commissari hanno poi approvato all’unanimità il rendiconto 2019 e a maggioranza (astensione del “M5S”) l’assestamento 2020 del bilancio del Consiglio regionale.

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta