59 milioni di tonnellate di CO2 a causa degli incendi in Siberia





Anche quest’anno le temperature record registrate a giugno nella Siberia artica, combinate a condizioni di superficie più asciutte, hanno creato le condizioni ideali per lo sviluppo di numerosi e ampi incendi.

Il mese scorso gli incendi nella Siberia nord-orientale, in Jacuzia, Chukotka e in misura minore in parti dell’Alaska e dello Yukon, hanno rilasciato nell’atmosfera 59 milioni di tonnellate di CO2.
Valore che è superiore alle emissioni record degli incendi nella stessa area nel mese di giugno dell’anno scorso, ovvero 53 milioni di tonnellate di CO2.
Sempre a giugno 2020 la copertura nevosa in Siberia ha raggiunto il minimo storico per il periodo. Meno superfici innevate significa meno capacità di riflettere i raggi solari, andando così a incrementare il riscaldamento del terreno e favorendo la formazione di grandi incendi.

A questo si somma il pericolo che il progressivo riscaldamento del terreno della regione provochi la fuoriuscita del metano, il peggiore gas serra, intrappolato sotto al permafrost.
Uno studio della US National Oceanic and Atmospheric administration afferma che il riscaldamento dell’artico causerà eventi meteorologici estremi in tutto il mondo.

Stefano Tartarotti su Patreon

Stefano Tartarotti su Facebook

Le vignette di Stefano Tartarotti su aostapresse

Precedente
Un momento dell'edizione 2019 de 'Lo Pan Ner'

I principali provvedimenti della Giunta regionale del 10 luglio: un milione e 900mila euro per il viadotto sulla sr18 e quasi 70mila euro per "Lo Pan Ner"

Prossimo

Morto di covid-19 il giornalista Mohamed Monir





Post correlati
Leggi di più

La legge del cemento

La giunta regionale della Sardegna, a conduzione leghista, ha approvato la cosiddetta "legge del cemento", decreto retroattivo che permetterà di costruire ignorando i vincoli ambientali del Ministero dei Beni Culturali.
Total
0
Share