A Courmayeur 75 partecipanti alle selezioni per 29 neo aspiranti maestri di sci alpino

Scritto da aostapresse

5 Marzo 2021 - 11:30

Tre giornate intense sulle piste di Courmayeur, dove si è svolto il test tecnico attitudinale per accedere al 47esimo corso di formazione maestri di sci alpino “R. Busca”. Parte dell’attività dell’Associazione valdostana maestri di sci è ripartita con la selezione di recupero, prevista per marzo 2020 ma cancellata per la pandemia.

Sono stati 75 i candidati che hanno avuto accesso attraverso il bando indetto lo scorso anno. Quattordici sono stati esonerati dal gigante di martedì, come previsto dal regolamento, tutti gli altri hanno dovuto “lottare” contro il tempo per rimanere all’interno del parametro fatto registrare dagli istruttori nazionali e proseguire alla seconda fase. In totale, tra i qualificati su Le Greye e gli esonerati, sono rimasti 54 candidati che sono stati esaminati dalla Commissione nella prova libera e negli archi di curva.

Dopo le tre giornate sono 29 i neo aspiranti maestri di sci alpino: Alessandro Péaquin, Valentina Freppaz, Camilla Dooms, Jean Marc Bastrentaz, Arianna Calaba, Martina Carrel, Davide Polesel, Simona Ceretto Castigliano, Alberto Maria Gerosa, Ilaria Mareliati, Filippo Malabaila, Niccolò Lanfranco, David Priod, Melanie Pallai, Gabriele Belotti, Hervé Donnet, Matvei Lomovskikh, Nicolò Pigliacelli, Raphael Fusinaz, Lorenzo Varese, Giacomo Luigi Gerosa, Thierry Grivel, Eva Capucci, Margherita Aglietta, Silvie Carrel, Marta Pession, Alessandro Forcina Barbero, Federico Codini e Federica Carbonatto.

«Siamo riusciti a trovare condizioni ideali per poter svolgere queste tre giornate di esami – commenta Beppe Cuc, presidente dell’Associazione valdostana maestri di sci – le attività formative sono attualmente concesse dall’ultimo Dpcm, certo questo non può certo bastare, non possiamo dimenticare questa stagione che, seppur in ritardo, sarebbe dovuta partire e che invece è stata definitivamente cancellata, provocando un danno enorme ai maestri di sci e a tutto il turismo invernale. Siamo in attesa che il Governo definisca i ristori per la categoria; dovrebbe essere questione di giorni, ma non ci crediamo finché non avremo certezze».

Fonte: ACmediapress

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X