Il castello di Introd

A settembre, le strutture ricettive di Introd e di Fondation Grand Paradis offrono soggiorni ai sanitari impegnati nell’emergenza “covid-19”





“Con la fine del lockdown il desiderio di riprendere in mano la propria vita è pressante e potrebbe essere naturale cercare di rimuovere, per quanto possibile, ciò che è accaduto durante la fase più intensa della pandemia”.

Così una nota della Fondation Grand Paradis, diffusa nella mattinata di domenica 7 giugno, introduce l’iniziativa “#introdnonvidimentica” nei confronti degli operatori sanitari: “le strutture ricettive (B&B, affittacamere e case vacanze) nel comune di Introd in Valle d’Aosta – prosegue – non dimenticano tutti quelli che in questi ultimi mesi hanno portato il peso maggiore della pandemia con particolare riguardo agli operatori sanitari. Prende corpo, quindi, l’iniziativa di offrire un momento di relax in un contesto, quello del Parco Nazionale Gran Paradiso, caratterizzato da una natura incontaminata e unica. Vengono messi a disposizione del personale sanitario e delle relative famiglie, soggiorni in camera e colazione o appartamenti per vacanze, a titolo completamente gratuito per due notti, per tutto il mese di settembre”.

“Si tratta di oltre cento soggiorni che rappresentano un modo concreto per dire “grazie” – sottolinea la nota – Fondation Grand Paradis aderisce all’iniziativa omaggiando il personale sanitario ospitato presso le strutture con il “Fondation Grand Paradis Pass”, biglietto cumulativo della validità di un anno che consente di visitare i dieci siti di interesse naturalistico e culturale gestiti dalla Fondazione sul territorio. Per l’occasione inoltre, durante tutti i fine settimana di settembre, il Castello di Introd resterà aperto dalle 14.30 alle 18.30, con visite guidate ogni ora. Maggiori informazioni sul sito www.grand-paradis.it.
L’iniziativa è veicolata tramite il sito www.visitintrod.com dove si trovano maggiori dettagli e dove è possibile inviare le dichiarazioni d’interesse. Alternativamente si possono avere maggiori informazioni, chiamando il numero 347.77.79.199″.

Fonte: Fondation Grand Paradis
Precedente

Il raduno dei neofascisti a Roma

Prossimo
La targa commemorativa del primo Consiglio Valle

Mattarella celebra i Consigli regionali: «il principio di autonomia, delle Regioni e degli Enti locali, è alle fondamenta della costruzione democratica»





Post correlati
Il casello di uscita ad Aosta dell'autostrada A5
Leggi di più

Non è solo la “A5” l’autostrada in assoluto più cara d’Italia, ma il percorso tra Aosta e Milano è il più costoso a livello nazionale

È stata definita più volte «l'autostrada più cara d'Italia» ma la "A5 Torino - Aosta", secondo i calcoli di Laura Confalonieri ed Emilio Deleidi, giornalisti di "Quattroruote", il periodico più autorevole in materia di automobili e trasporti, toglie, nel numero di marzo 2013, il poco invidiabile "titolo" all'autostrada valdostana, calcolando il costo per chilometro tramite in rapporto tra pedaggio e lunghezza.
Total
0
Share