All’ospedale regionale si possono effettuare i test sierologici per covid-19, per privati, ditte ed enti, al prezzo di 35 euro

Scritto da aostapresse

19 Marzo 2021 - 16:00

È possibile effettuare i test sierologici per covid-19 (Sars-CoV-2) anche su richiesta da parte dei cittadini, delle ditte e degli enti, all’ospedale regionale “Parini” di Aosta: “per richiedere test sierologici da parte dei cittadini, delle ditte e degli enti – precisa in una nota l’Azienda Usl della Valle d’Aosta – è necessaria la prenotazione e l’effettuazione al cittadino è soggetta al pagamento anticipato del ticket di 35 euro”.

Il test sierologico viene effettuato presso il centro unico prelievi dell’ospedale regionale, dal lunedì al venerdì, dalle ore 7 alle 10 e sono “ricerca degli anticorpi totali anti-Nucleocapside (IgG + IgM), se l’utente non ha avuto una documentata infezione da Sars-Cov-2 o non ha effettuato la vaccinazione; ricerca degli anticorpi IgG anti proteina “spike”, se l’utente ha avuto l’infezione da Sars-CoV-2 ed è stato dichiarato guarito, oppure ha effettuato la vaccinazione da almeno un mese dalla prima dose”.

“La novità importante – sottolinea l’azienda sanitaria valdostana – è rappresentata dal fatto che chi è stato vaccinato e/o chi è stato affetto da covid-19 può effettuare in ospedale un test sierologico che non è solo “qualitativo”, positivo o negativo agli anticorpi IgG + IgM, ma “quantitativo”, con la valorizzazione degli anticorpi IgG anti spike”.

I test sierologici vengono effettuati esclusivamente previa prenotazione telefonica al centro unico prelievi al numero 0165.516.428, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 16.30: “non è necessaria l’impegnativa del medico e del pediatra di famiglia – si legge ancora – è richiesto il pagamento del ticket di 35 euro e la compilazione del modulo di richiesta-consenso da parte dell’utente, fornito dal centro all’atto del prelievo. Il referto sarà inserito nel “Fascicolo sanitario elettronico” oppure potrà essere ritirato presso il centro unico prelievi in formato cartaceo”.
Analogamente, il medico competente e i datori di lavoro possono richiedere i test sierologici per i propri dipendenti, all’ufficio “Libera professione Intramœnia” al numero telefonico 0165.544.644, ed il pagamento di 35 euro) sarà effettuato tramite fatturazione al datore di lavoro.

“In caso di positività del test sierologico – precisa l’Azienda Usl della Valle d’Aosta – saranno informati il Servizio di igiene e sanità pubblica e il medico o il pediatra di famiglia del paziente”.

Fonte: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X