Albert Chatrian, Renzo Testolin e Luigi Bertschy

Alpe, UVP e Stella Alpina prendono atto “dell’impossibilità di costruire una maggioranza e un governo stabile e credibile”





“I movimenti Alpe, Union Valdôtaine Progessiste e Stella Alpina prendono atto, dopo la decisione dell’Union Valdôtaine , dell’impossibilità di costituire una maggioranza e un governo stabile e credibile”. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Alpe nella mattinata di mercoledì 12 febbraio.

“Stupisce l’atteggiamento del movimento unionista che sfiducia di fatto il presidente Renzo Testolin e l’intero gruppo consiliare – si legge ancora – e rinuncia ad agire, lasciando precipitare la Valle verso la paralisi amministrativa, in un momento particolarmente difficile. L’UV sceglie di non scegliere e all’interesse collettivo antepone il regolamento dei conti interno. Democraticamente dobbiamo prenderne atto, ma non possiamo esimerci dall’osservare quanto questa decisione, presa forse in modo troppo emotivo, impatterà pesantemente per parecchi mesi sui servizi ai cittadini. L’economia regionale, la programmazione degli eventi, tutto sarà bloccato fino all’autunno”.

“Evitare lo stato di paralisi, dando prima applicazione al bilancio regionale, era invece l’obiettivo di Alpe, UVP e SA – ribadiscono i tre movimenti di “maggioranza” – che rilevano come questa fosse la posizione condivisa da tanti sindaci unionisti e dalla Jeunesse Valdotaine, che ha dato prova di una maturità e di un senso di responsabilità che sembra invece passare in secondo piano fra gli unionisti di lungo corso. Ringraziamo le forze politiche, i gruppi consiliari e i consiglieri che si sono confrontati con noi con serietà e trasparenza per cercare di dare una risposta a questa situazione emergenziale”.

“Le differenze politiche e il preciso mandato di costituire maggioranze stabili, impossibile da raggiungere dopo la rinuncia dell’Union Valdôtaine, non hanno permesso di conseguire un obiettivo che con un po’ di buonsenso poteva essere raggiunto – chiosa la nota – con la convinzione di aver fatto tutto quanto era possibile fare, ringraziamo i nostri consiglieri regionali per la serietà e la responsabilità dimostrata anche in questa ultima fase della crisi politica”.

Precedente
Un punto di raccolta del Banco farmaceutico

Oltre 2.500 confezioni raccolte in Valle d'Aosta durante la Giornata di raccolta del farmaco, quasi 600 in più rispetto al 2019

Prossimo
Patrizia Laquidara

Ad Aosta il tour "C'è qui qualcosa che ti riguarda - cqqctr" della cantautrice di origine siciliana Patrizia Laquidara





Post correlati
Total
0
Share