Anche Erik Lavevaz è positivo al covid-19: «è un modo per ricordarmi come non ragioniamo mai sui numeri ma sulle storie di singole persone»

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 16:20

Erik Lavevaz, presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta dallo scorso 21 ottobre, 41 anni compiuti lo scorso 15 febbraio, è risultato, venerdì 2 aprile, positivo al “covid-19”, dopo uno secondo screening di tutti i membri del Governo regionale, eseguito in seguito alla positività riscontrata lo scorso martedì 30 marzo da Carlo Marzi, assessore regionale alle finanze.

Secondo quanto reso noto dalla Presidenza della Regione, solo Lavevaz, che era nella sua abitazione di Verrayes, è risultato positivo, mentre “gli altri membri del Governo regionale sono risultati negativi. Le condizioni di salute del Presidente sono buone e continuerà a lavorare a distanza affinché la macchina amministrativa possa continuare ad operare”.
Inoltre, Erik Lavevaz “ha immediatamente attivato tutte le procedure previste per le verifiche e la messa in sicurezza delle persone a lui più vicine, a cominciare dalla Giunta, lo staff e i colleghi, le persone con cui è stato a contatto di recente e la sua famiglia”.

Carlo Marzi positivo al covid-19 per la seconda volta: «confido nei vaccini, non vorrei abbonarmi alle varie versioni, fa proprio schifo»

«Tra i 115 tamponi positivi al covid di ieri, in Valle d’Aosta, c’era anche il mio – ha scritto, nel pomeriggio di sabato 3 aprile, Lavevaz sulla sua pagina “Facebook” – è un modo per ricordarmi ancora una volta come non ragioniamo mai sui numeri, parlando di quest’epidemia, ma sulle storie di singole persone che incontrano la malattia e la cui vita viene modificata da quest’incontro. In questi giorni la terza ondata dei contagi raggiunge il picco nella nostra regione, fortunatamente sto abbastanza bene, così come la mia famiglia, in isolamento. Di certo non è la Pasqua che immaginavo, ma le mie condizioni mi permettono di lavorare e di essere operativo. I miei collaboratori più stretti sono stati sottoposti a tampone, e sono risultati negativi: facciamo tutti attenzione, ma posso testimoniare in prima persona come la cautela non sia mai abbastanza di fronte a questo virus».

«Ci troviamo costretti ancora una volta a vivere il periodo di Pasqua tra limitazioni e rinunce – ha aggiunto – ringrazio tutti quelli che mi stanno scrivendo per farmi forza e chiedermi notizie sulla mia salute. Quest’esperienza deve renderci più forti e più uniti, responsabili gli uni degli altri e capaci di rinascere insieme. Buona Pasqua!».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta e pagina “Facebook” di Erik Lavevaz

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Un italiano residente in Francia, positivo al covid-19, non ha rispettato gli obblighi di quarantena: fermato al Traforo del Monte Bianco mentre tornava a Milano

Nel pomeriggio di martedì 6 aprile la Polizia di Stato ha denunciato un cittadino italiano residente in Francia per violazione degli obblighi della quarantena obbligatoria: “dagli accertamenti effettuati – si legge in una nota della Questura di Aosta – si è rilevato che il soggetto è positivo e destinatario di ordinanza di quarantena obbligatoria da trascorrere presso il proprio domicilio di Milano”.

Anche in Valle d’Aosta l’obbligo vaccinale contro il covid-19 per chi esercita le professioni sanitarie e gli operatori che si occupano di cura ed assistenza

Il decreto-legge 44 del 1° aprile 2021, all’articolo 4, che contiene disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2, introduce l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza.

X