Approvata una convenzione tra i Consigli regionali delle Autonomie speciali dell’arco alpino e l’Università di Udine

Scritto da aostapresse

5 Marzo 2021 - 11:15

Giovedì 4 marzo l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Valle ha approvato una convenzione tra i Consigli delle Regioni autonome Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia, delle Province autonome di Trento e Bolzano e l’Università di Udine per la realizzazione e la promozione di progetti scientifici su temi di interesse comune.
L’obiettivo è quello di attivare una reciproca collaborazione per l’elaborazione di strumenti e di strategie comuni da svilupparsi nell’ambito dello studio e della ricerca del diritto regionale e delle sue prospettive, con particolare riferimento al tema della specialità, potendo contare sulla specifica presenza dell’Osservatorio sull’Autonomia speciale attivato presso il Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Udine e del gruppo di lavoro “Autonomie speciali alpine – ASA”.

«L’ordinamento regionale italiano – spiega il presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin – vive una stagione complessa, in cui le autonomie speciali scoprono sempre più la fragilità delle garanzie costituzionali a loro tutela: da qui, l’esigenza di una riflessione critica che permetta di ragionare sull’esperienza regionale pregressa e di prospettare dinamiche di sviluppo futuro. Come Ufficio di Presidenza abbiamo considerato opportuno agire sinergicamente con le Autonomie speciali dell’arco alpino, con le quali abbiamo caratteristiche comuni di ordine istituzionale, storico, culturale e territoriale che consentono di condividere temi e percorsi di interesse comune, tra cui la tutela delle minoranze linguistiche, il sostegno a efficaci politiche transfrontaliere, il problema dello spopolamento della montagna».

La convenzione prevede la designazione di un Comitato direttivo – formato dai segretari generali dei Consigli coinvolti e dal rettore dell’Università di Udine – che avrà funzioni di coordinamento e di proposta con il supporto di un Comitato scientifico, composto dai professori Roberto Toniatti (Università di Trento), Elena D’Orlando (Università di Udine), Massimo Carli (Università di Firenze), Roberto Louvin (Università di Trieste) ed Ester Happacher (Università di Innsbruck) oltre che da Gianfranco Postal, già segretario generale della Provincia autonoma di Trento e consigliere della Corte dei conti. I temi individuati su cui lavorare sono: rapporto Statuto speciale/Costituzione, principio dell’intesa, funzionamento delle Commissioni paritetiche, strumenti di soft law per prevenire la conflittualità Stato/Regioni/Province autonome, coordinamento della finanza pubblica, valutazione delle politiche pubbliche, attuabilità della zona franca alla luce del quadro normativo attuale.

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X