L’assessore Roberto Barmasse stigmatizza le rinunce dell’ultimo minuto a Donnas per le vaccinazioni con AstraZeneca: «l’unica arma contro il covid-19 è il vaccino»

Scritto da aostapresse

22 Marzo 2021 - 18:00
Il vaccino 'AstraZeneca' contro il 'covid-19'

Roberto Barmasse, assessore regionale alla sanità, salute e politiche sociali, in una nota “invita la popolazione valdostana a continuare ad avere fiducia nelle indicazioni che la letteratura scientifica e gli organi di farmacovigilanza nazionale e internazionali hanno formulato riguardo alla sicurezza di tutti i vaccini contro il “covid-19”, compreso quello “Oxford-AstraZeneca”, secondo le quali, tale vaccino non è associato a un aumento del rischio complessivo di disturbi della coagulazione del sangue”.

«Il Sistema sanitario valdostano continua a registrare significative defezioni rispetto alle vaccinazioni programmate con “AstraZeneca” – aggiunge Barmasse – solo nella giornata di ieri, domenica 21 marzo, al polo vaccinale di Donnas, ci sono state numerose rinunce “dell’ultimo minuto”; questa situazione crea pesanti ricadute sulla sanità valdostana, sia in termini organizzativi che economici».

«La gestione della pandemia e la messa in atto di tutte le risorse per fronteggiare e contenere il contagio da “covid-19” richiedono, alla grande macchina sanitaria, sforzi importanti ma doverosi per il bene comune – continua l’assessore – e qui arriva il mio appello, da medico e da assessore alla sanità a tutte le valdostane e a tutti i valdostani. Il vaccino, come ribadito più volte, è l’arma principale che abbiamo per rallentare la risalita del contagio e l’unica che ci consenta in breve tempo di riappropriarci della nostra quotidianità e della nostra libertà. Ribadisco dunque, per il nostro bene nostro e quella dei nostri cari, che è importante vaccinarsi».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Sarà l’Esercito a vaccinare gli over-80 delle zone “impervie” della Valle d’Aosta: in arrivo un migliaio di dosi extra per rispettare il piano

«Ho ricevuto proprio pochi minuti fa una telefonata del presidente Mario Draghi che mi ha comunicato che, grazie a una spinta in ambito europeo, già in questo trimestre arriveranno, a livello europeo, cinquanta milioni di dosi in più di “Pfizer” per l’Europa, che tradotte per l’Italia vuol dire, da aprile, da questo mese, oltre 670mila dosi, due milioni e 150mila a maggio, oltre quattro milioni a giugno». Lo ha annunciato, nel pomeriggio di mercoledì 14 aprile, uscendo dal centro vaccinale al “Palaindoor” di Aosta, il Generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza covid-19, in visita in Valle d’Aosta insieme a Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile nazionale.

X