L’Union Valdôtaine ha avviato il percorso per un Congresso condiviso a giugno dove si eleggerà il successore di Erik Lavevaz

Scritto da aostapresse

9 Marzo 2021 - 15:00

Le Conseil fédéral dell’Union Valdôtaone, riunitosi in modalità online lunedì 8 marzo, ha espresso “soddisfazione per la numerosa partecipazione che ha visto oltre ottanta delegati collegati – si legge in una nota – un numero che dimostra come, malgrado l’impossibilità di incontrarsi di persona, il movimento goda di grande vitalità”.

“I delegati, dopo aver audito la relazione del presidente reggente del Movimento David Follien – annunciano dall’UV – hanno approvato l’inizio del percorso per l’organizzazione di un Congresso condiviso che porterà all’elezione del nuovo presidente dell’Union Valdôtaine. Due le ipotetiche date individuate: il 5 o il 12 giugno. Il Congresso coinvolgerà tutti gli iscritti e le candidature saranno proposte dalle section. Un Congresso che parte dalla base, nella continuità del progetto politico approvato nel 2018 e premiato nelle ultime elezioni regionali e amministrative”.

Il Conseil, dopo aver audito le relazioni del presidente della Regione Erik Lavevaz, degli assessori Davide Sapinet, Roberto Barmasse e del capogruppo Aurelio Marguerettaz, ha quindi “approvato il lavoro svolto conferendo mandato agli eletti di proseguire il percorso intrapreso con l’avvio della
attuale legislatura. Condivisione per la scelta del senatore Albert Lanièce di astenersi nel dare la fiducia al Governo Draghi in attesa di una dimostrazione concreta ai problemi della Valle d’Aosta”.

Fonte: Ufficio stampa Union Valdôtaine

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X