Cambiano i dati ufficiali della pandemia in Valle d’Aosta: “nel riconteggio emersi 55 casi guariti e tre decessi”

Scritto da aostapresse

30 Marzo 2021 - 16:10
tag: covid-19datierrori

“A seguito dell’analisi storica dei dati relativi alla pandemia covid-19, sono state rilevate alcune incongruenze numeriche relativamente ai dati trasmessi al Ministero della Salute nel corso dell’anno 2020”. Lo annuncia, martedì 30 marzo, in una nota, la Presidenza della Regione: “a seguito del controllo, è stato effettuato un riconteggio dei casi – specifica l’Amministrazione regionale – dal quale sono emersi 55 casi guariti e tre decessi non ancora inseriti nel bollettino. Al fine di sanare la situazione, nei dati odierni il numero totale dei guariti e quello dei decessi sono stati rispettivamente incrementati di 55 e tre unità portando così il numero totale dei casi a 9.236. Questa modifica implica che la differenza con i casi comunicati nel bollettino di lunedì 29 marzo segna un incremento di 134 unità: considerato però che 58 casi sono riferiti al 2020, i nuovi casi rilevati nelle ultime 24 ore sono 76 e non viene segnalato alcun decesso. Nel riconteggio sono emerse anche delle incongruenze dei dati relativi alla divisione per sesso delle persone decedute (uomini/donne) che sono stati corretti”.

La Regione evidenza, inoltre che “la problematica interessa esclusivamente il flusso aggregato del Ministero della Salute, mentre per quanto riguarda l’Istituto superiore di sanità i dati sono stati correttamente comunicati: pertanto questa integrazione non influisce sull’attuale valutazione della Regione”.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Sarà l’Esercito a vaccinare gli over-80 delle zone “impervie” della Valle d’Aosta: in arrivo un migliaio di dosi extra per rispettare il piano

«Ho ricevuto proprio pochi minuti fa una telefonata del presidente Mario Draghi che mi ha comunicato che, grazie a una spinta in ambito europeo, già in questo trimestre arriveranno, a livello europeo, cinquanta milioni di dosi in più di “Pfizer” per l’Europa, che tradotte per l’Italia vuol dire, da aprile, da questo mese, oltre 670mila dosi, due milioni e 150mila a maggio, oltre quattro milioni a giugno». Lo ha annunciato, nel pomeriggio di mercoledì 14 aprile, uscendo dal centro vaccinale al “Palaindoor” di Aosta, il Generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza covid-19, in visita in Valle d’Aosta insieme a Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile nazionale.

X