Carlo Marzi positivo al covid-19 per la seconda volta: «confido nei vaccini, non vorrei abbonarmi alle varie versioni, fa proprio schifo»

Scritto da aostapresse

30 Marzo 2021 - 16:30
Uno dei test covid negativi

Martedì 30 marzo tutti i membri della Giunta regionale della Valle d’Aosta sono stati sottoposti al tampone a seguito della positività del consigliere regionale Dino Planaz. Una nota della Presidenza della Regione annuncia che “dallo screening è emersa la positività al “covid-19″ dell’assessore alle finanze Carlo Marzi, che è stato pertanto sottoposto alla quarantena obbligatoria. Gli altri membri del Governo regionale sono risultati negativi al test e, dal momento che le riunioni si sono svolte nel rispetto delle indicazioni previste, non sono stati sottoposti a quarantena preventiva. Nei prossimi giorni, gli altri membri della Giunta verranno sottoposti a ulteriore tampone di controllo”.

“A seguito dell’esito dello screening – aggiunge un comunicato del Consiglio Valle – l’Ufficio di Presidenza ha richiesto alle autorità sanitarie un ulteriore tampone di controllo da effettuare sui consiglieri e sui funzionari che lunedì 29 hanno partecipato in Aula consiliare alla riunione della seconda Commissione che ha audito in presenza l’assessore Marzi, risultato positivo. Le prossime riunioni degli organi consiliari si svolgeranno pertanto in modalità mista, con la partecipazione sulla piattaforma zoom dei consiglieri posti in quarantena”.

Marzi è la seconda volta che risulta positivo al “covid-19”, dopo aver affrontato il virus nel marzo 2020: «confido nei vaccini per due motivi – ha scritto su “Facebook” mercoledì 31 marzo – vista la pessima qualità del mio sistema immunitario non vorrei abbonarmi alle varie versioni del covid perché in realtà fa proprio schifo… anche ‘sto giro la sensazione varia dall’essere il “pallone” conteso da due mischie di forzuti giocatori di rugby a quella di essere tipo una cacca sgnaccata. È passato un anno e non solo non è vero che è tutto uguale ma in realtà, è proprio tanta la voglia di stare bene e di stare in un mondo che sta bene. Siamo fatti per vivere e lavorare insieme, non vi è libertà alcuna nella solitudine, a maggior ragione se imposta».

A dicembre 2020 era risultato positivo Roberto Barmasse, assessore regionale alla sanità, mentre prima era toccato ai colleghi Jean-Pierre Guichardaz (a novembre) ed a Luigi Bertschy (ad aprile).

Fonti: Ufficio stampa della Regione autonoma Valle d’Aosta e del Consiglio regionale della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Pierluigi Marquis chiede trasparenza ai colleghi sulle vaccinazioni. ADU critica: «la classe dirigente salva prima il proprio deretano»

«Come sempre iniziano le speculazioni politico-mediatiche e affiorano insinuazioni su possibili beneficiari furbetti politici e pertanto nel ruolo pubblico di consigliere regionale ritengo doveroso rendere noto che il sottoscritto e i sui familiari, tra i quali come in molte altre famiglie figurano over 80, non sono stati sottoposti a vaccinazione e attendono fiduciosi il proprio turno». È quanto scrive su “Facebook” l’ex presidente della Regione Pierluigi Marquis.

Scontro tra Arcigay e Renaissance per le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi sul disegno di legge Zan: «la diversità non è negativa»

«Le recenti dichiarazioni dell’onorevole Vittorio Sgarbi rispetto al disegno di legge Zan, rilasciate in un video sui social, sono agghiaccianti: Sgarbi afferma che l’approvazione della legge contro l’omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo introdurrebbe in Italia “un qualcosa paragonabile alla pedofilia di Stato”, ritenendo che l’omosessualità sia un crimine paragonabile alla pedofilia». È quanto ha denunciato su “Facebook” l’associazione “Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA”.

X