Daniele Serra ed Alice Canclini vincono la “trenta chilometri” del “Gran Tor” di sci nordico a Saint-Barthélemy

Scritto da aostapresse

1 Marzo 2020 - 19:40

Gli organizzatori del Gran Tor di Saint-Barthélemy non potevano scegliere giornata migliore per la 30 chilometri in tecnica classica. Se la neve caduta nella notte ha cancellato la combinata alpina femminile di Coppa del Mondo a La Thuile, non si può dire la stessa cosa per la prova Promozionale di fondo, corsa in un contesto davvero suggestivo. In una giornata soleggiata, domenica 1° marzo, sono stati circa 180 i concorrenti al via, di cui 151 giunti al traguardo.

La vittoria è andata ai favoriti di giornata che si sono iscritti proprio a pochissime ore dal via. Sono infatti stati gli alpini Daniele Serra e Alice Canclini a vincere la 30 chilometri che si è disputata sulle piste di casa del campione degli sci stretti Federico Pellegrino.

Serra ha completato il Gran Tor in 1’38”52, andando a precedere l’altro alpino Mikael Abram (1’40”43) e un Wladimir Cuaz (Godioz; 1’40”55) già grande protagonista a Cogne, in occasione della MarciaGranParadiso.
Alice Canclini, ottava assoluta, ha vinto la prova femminile in 1’47”35. Vittoria netta per l’alpina che ha preceduto Amalia Laurent (Gressoney Monte Rosa), 42a assoluta in 2’12”21 e Micol Murachelli (Valdigne), 44a assoluta in 2’13”10.

Una bella giornata di festa a Saint-Barthélemy, una giornata di sport che è andata oltre l’emergenza “coronavirus”, fattore che non ha influito sul regolare svolgimento della manifestazione.

Fonte: ACmediapress

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X