Decretato in Valle d’Aosta lo stato di grave pericolosità d’incendio boschivo: vietato accendere fuochi, abbruciare residui vegetali ed usare motori a scoppio su strade agricole

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 17:30

Martedì 6 aprile il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha firmato un decreto di grave pericolosità d’incendio boschivo su tutto il territorio regionale non innevato, sulla base dell’andamento meteo-climatico dell’ultimo periodo: “in particolare – si legge in una nota della Presidenza della Regione – il decreto sancisce lo stato di grave pericolosità nelle zone boscate, fino a una distanza di cinquanta metri da queste, e nei terreni incolti, con decorrenza immediata e sino al verificarsi di consistenti precipitazioni su tutto il territorio regionale che riducano stabilmente il livello di pericolo”.

“Su tutto il territorio della Valle d’Aosta sottoposto alla tutela del decreto – continua la nota – ai sensi dell’articolo 11 della legge regionale n. 85 del 3 dicembre 1982, ed in base all’articolo 182 comma 6bis del decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, è sempre vietato a chiunque accendere fuochi, abbruciare stoppie o altri residui vegetali, dar fuoco alle discariche di rifiuti ed usare inceneritori sprovvisti di abbattitore di scintille”.

“Inoltre, fino alla cessazione dello stato di eccezionale pericolosità – ribadisce l’Amministrazione regionale – è vietato all’interno delle zone boscate e a una distanza inferiore a cinquanta metri da esse, così come dagli incolti ad esse limitrofi, far brillare mine senza la preventiva autorizzazione da parte della stazione del Corpo Forestale della Valle d’Aosta giurisdizionalmente competente, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori sprovvisti di scarico di sicurezza, nonché fornelli o inceneritori che producano favilla o brace, transitare con mezzi di trasporto dotati di motore a scoppio su strade di carattere agricolo o forestale entro le zone boscate, fatta eccezione per coloro che abbiano diritto di accesso in quanto proprietari, usufruttuari o conduttori di fondo e loro familiari e ospiti, nella zona servita dalla strada, ovvero abbiano necessità di accedervi per ragioni di abitazione o dimora o lavoro o servizio. Tutte le accensioni che non siano espressamente vietate per legge, dovranno essere preventivamente autorizzate dalle competenti stazioni del Corpo Forestale”.

Infine, “si raccomanda anche di astenersi dal gettare oggetti incandescenti dai finestrini degli automezzi, in special modo fiammiferi o mozziconi accesi. Si rammenta che l’importo delle sanzioni amministrative può raggiungere la somma di 4.128 euro, fatta salva l’applicazione delle norme penali qualora l’accensione del fuoco determini situazioni di pericolo e/o danni a persone o cose”.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X