Denuncia la rapina dell’iPhone, ma era un trucco per ottenere il rimborso dell’assicurazione per potersi comprare il modello successivo

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 12:40
tag: aostacarabinieriiphonetruffa

I Carabinieri di Aosta hanno denunciato un uomo per simulazione di reato e procurato allarme dopo che lo scorso mercoledì 2 marzo aveva denunciato di essere stato rapinato del proprio smartphone “iPhone 11 ProMax”, che attualmente costa tra gli 800 ed i 1.200 euro, ed è stato superato dalla versione “12”.

“L’ uomo si era presentato alla stazione dei Carabinieri di Aosta – raccontano i Militari – dove aveva denunciato che, uscito dal lavoro verso le ore 22.30, era stato rapinato da due giovani in corso Battaglione di Aosta. Circostanziava il fatto, precisando di essere stato minacciato da uno dei due con un coltello, obbligandolo a consegnare il suo “iPhone” e che i due rei si erano poi allontanati a bordo di un ciclomotore. Le indagini, condotte dai Carabinieri del capoluogo, incrociando le dichiarazioni fatte dall’uomo ed acquisendo la documentazione relativa all’acquisto del telefono rubato, hanno consentito di scoprire che la denuncia presentata era un piano per ottenere, grazie all’assicurazione stipulata presso il rivenditore, il rimborso del settanta per cento del valore del cellulare”.

“Davanti alla contestazione dei Militari – concludono i Carabinieri – l’uomo ha ammesso di aver denunciato il falso per ottenere il rimborso del telefono, acquistato a rate, e poter acquistare un modello più recente della stessa linea, successivamente avrebbe denunciato il ritrovamento del telefono “rapinato” così da poterlo “sbloccare” e rivenderlo per recuperare altro denaro”.

Fonte: Gruppo Carabinieri di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Rollandin, Perron e Lévêque assolti anche in appello dall’accusa di turbativa d’asta: «restano le conseguenze, psicologiche e materiali»

«Non posso che esprimere soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di Torino che conferma quella di assoluzione già emessa in primo grado dal Tribunale di Aosta “perché il fatto non sussiste” in relazione alla mia nomina nel 2015 a presidente della “Finaosta”».
Commenta così Massimo Lévêque, presidente della finanziaria regionale dall’11 agosto 2015 al 31 agosto 2018 in merito al caso giudiziario che lo ha coinvolto insieme all’attuale consigliere regionale Augusto Rollandin ed Ego Perron, rispettivamente presidente della Regione ed assessore regionale alle finanze dal 10 giugno 2014 al 10 marzo 2017.

Una donna 32enne trovata morta ad Aosta: indaga la Squadra Mobile per omicidio, dopo i lunghi rilievi della Scientifica

Elena Raluca Serban, 32 anni, di origini romene e residente a Lucca, in Toscana, ad Aosta da tre settimane, che abitava al primo piano del condominio “Arc en Ciel”, al numero 48 viale Partigiani, è stata trovata senza vita poco dopo le ore 9 di domenica 18 aprile, in bagno, con una ferita alla gola, dai Vigili del fuoco, intervenuti dopo una telefonata al “112” della sorella Aleksandra e della madre Mariana, che lamentavano di non riuscire più a mettersi in contatto con lei dalla serata di sabato 17.

X