Denuncia la rapina dell’iPhone, ma era un trucco per ottenere il rimborso dell’assicurazione per potersi comprare il modello successivo

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 12:40

I Carabinieri di Aosta hanno denunciato un uomo per simulazione di reato e procurato allarme dopo che lo scorso mercoledì 2 marzo aveva denunciato di essere stato rapinato del proprio smartphone “iPhone 11 ProMax”, che attualmente costa tra gli 800 ed i 1.200 euro, ed è stato superato dalla versione “12”.

“L’ uomo si era presentato alla stazione dei Carabinieri di Aosta – raccontano i Militari – dove aveva denunciato che, uscito dal lavoro verso le ore 22.30, era stato rapinato da due giovani in corso Battaglione di Aosta. Circostanziava il fatto, precisando di essere stato minacciato da uno dei due con un coltello, obbligandolo a consegnare il suo “iPhone” e che i due rei si erano poi allontanati a bordo di un ciclomotore. Le indagini, condotte dai Carabinieri del capoluogo, incrociando le dichiarazioni fatte dall’uomo ed acquisendo la documentazione relativa all’acquisto del telefono rubato, hanno consentito di scoprire che la denuncia presentata era un piano per ottenere, grazie all’assicurazione stipulata presso il rivenditore, il rimborso del settanta per cento del valore del cellulare”.

“Davanti alla contestazione dei Militari – concludono i Carabinieri – l’uomo ha ammesso di aver denunciato il falso per ottenere il rimborso del telefono, acquistato a rate, e poter acquistare un modello più recente della stessa linea, successivamente avrebbe denunciato il ritrovamento del telefono “rapinato” così da poterlo “sbloccare” e rivenderlo per recuperare altro denaro”.

Fonte: Gruppo Carabinieri di Aosta

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Un italiano residente in Francia, positivo al covid-19, non ha rispettato gli obblighi di quarantena: fermato al Traforo del Monte Bianco mentre tornava a Milano

Nel pomeriggio di martedì 6 aprile la Polizia di Stato ha denunciato un cittadino italiano residente in Francia per violazione degli obblighi della quarantena obbligatoria: “dagli accertamenti effettuati – si legge in una nota della Questura di Aosta – si è rilevato che il soggetto è positivo e destinatario di ordinanza di quarantena obbligatoria da trascorrere presso il proprio domicilio di Milano”.

Anche in Valle d’Aosta l’obbligo vaccinale contro il covid-19 per chi esercita le professioni sanitarie e gli operatori che si occupano di cura ed assistenza

Il decreto-legge 44 del 1° aprile 2021, all’articolo 4, che contiene disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2, introduce l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza.

X