Dichiarava falsi alloggiati per far lavorare i ristorante anche la sera: i Carabinieri denunciano il titolare dell’hotel “Courmayeur”

Scritto da aostapresse

8 Marzo 2021 - 14:55

“Attestava falsamente la presenza di avventori “alloggiati” presso la struttura ricettiva così da potere servire la cena, violando la normativa governativa nazionale e regionale anti covid-19″. È quanto contestano i Carabinieri della stazione di Courmayeur ad Alain Vecchi, titolare, insieme al fratello Michel, tramite la società “Compagnie des Hotels du Mont Blanc s.a.s.” di Saint-Christophe, dell’hotel “Courmayeur”, in via Roma, all’ingresso del centro storico della cittadina ai piedi del Monte Bianco.

“L’ipotesi di reato contestata dai Militari – si legge in una nota dei Carabinieri – è quella prevista dall’art.109 del Testo unico delle leggi di Pubblica sicurezza (obbligo di comunicazione ospiti alloggiati), accertata con un’articolata attività di indagine sia tecnica che documentale. Oltre alla segnalazione all’Autorità giudiziaria ed amministrativa, è stata disposta la chiusura del ristorante dell’albergo per cinque giorni”.

Lo scorso 13 febbraio Vecchi aveva inaugurato il “Dehor de Courmayeur”, accanto all’albergo, «un accogliente spazio ristorante/aperitivi/relax e après ski affacciato in modo strategico sul cuore animato di via Roma».

“Dalla data di entrata in vigore del primo “Dpcm” relativo alla “seconda ondata”, ad ottobre 2020 – aggiungono i Carabinieri – l’Arma della Valle d’Aosta ha effettuato 18.451 controlli a persone e 3.984 a esercizi commerciali, 319 le sanzioni personali e 37 ad esercizi commerciali”.

Fonti: Gruppo Carabinieri di Aosta e profilo “Facebook” di Alain Vecchi

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X