Disposta l’evacuazione, dopo una settimana, della zona di Plan Chécrouit, a Courmayeur, dove era caduta una frana

Scritto da aostapresse

3 Marzo 2020 - 18:00
La zona di Courmayeur evacuata

Dopo il “crollo lapideo del 25 febbraio 2020 in località Plan Chécrouit” e la “nota con cui la RAVA trasmette apposita relazione di sopralluogo, in cui si prevede l’opportunità di procedere a sollecita definizione del fenomeno e del rischio residuo” il sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, ha firmato, martedì 3 marzo un’ordinanza in cui dispone la “Parziale chiusura comprensorio Plan Checrouit”.

“Dato atto che la Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA sta avviando un monitoraggio della situazione di dissesto – si legge nell’ordinanza – e rilevato un rischio per la pubblica incolumità, a seguito di confronto con la società concessionaria degli impianti a fune e con i competenti uffici regionali e il responsabile comunale di protezione civile” il sindaco di Courmayeur ha ordinato “a partire dalle ore 18.30” del 3 marzo “il divieto d’accesso pedonale, con gli sci e con mezzi a motore nell’area indicata nella planimetria allegata alla presente; l’evacuazione degli immobili individuati nella suddetta planimetria. Relativamente al fabbricato di servizio della Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA, destinato a rimessa battipista e altri impieghi (kinderheim, etc.), l’ordine di evacuazione si intende limitato al piano fuori terra”.

“In deroga al divieto di cui al punto precedente – continua l’ordinanza – è consentito il transito esclusivamente per
raggiungere i suddetti immobili, al fine di effettuare le necessarie operazioni, non rinviabili, di svuotamento magazzini e manutenzione impianti, alle seguenti condizioni (contemporanee), dalle ore 7 alle 10; previa comunicazione e coordinamento con la Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA che assicurerà, se il caso, richiedendo la cooperazione della Polizia locale o delle altre Forze dell’Ordine, l’opportuno monitoraggio a vista della situazione; visibilità parete rocciosa interessata da potenziale distacco” con la Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA che dovrà “predisporre e mantenere gli opportuni accorgimenti (reti, segnaletica, etc.) per impedire l’accesso all’area vietata”.

“Sulla base del monitoraggio di cui in premessa e di successivo studio di approfondimento – conclude l’ordinanza – si procederà, di concerto con la Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA e la RAVA, all’assunzione degli opportuni provvedimenti per garantire nuovamente la sicurezza dell’area di cui in oggetto”.

Fonte: Comune di Courmayeur

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Invasione di api alla discarica, dopo che un’arnia è stata buttata via in mezzo al legname. Preoccupazione per il rischio di contagio della peste americana

L’incoscienza di un apicoltore hobbista, che ha gettato nell’isola ecologica un’arnia ancora contenente favi e miele, portata poi insieme ad altro legname nella discarica di Brissogne, ha provocato l’invasione di numerose api nella zona ed il rischio di diffondere ulteriormente in Valle d’Aosta l’epidemia di “peste americana”, una malattia batterica letale che sta decimando gli alveari, in quanto non esiste una cura riconosciuta ed efficace.

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

X