Domenica 23 febbraio la Valle d’Aosta celebra il 74° dell’Autonomia, il 72° anniversario dello Statuto speciale e la Festa della Valle d’Aosta

Scritto da aostapresse

14 Febbraio 2020 - 11:15
Gianfranco Trevisan, presidente della 'Fondazione Ollignan'

Il 74° dell’Autonomia, il 72° anniversario dello Statuto speciale e la Festa della Valle d’Aosta saranno celebrati domenica 23 febbraio 2020, nel Salone “Maria Ida Viglino” di Palazzo regionale.
Alle ore 17, è in programma la cerimonia di consegna delle onorificenze di Amis de la Vallée d’Aoste e di Chevaliers de l’Autonomie. In apertura, interverranno il presidente della Regione, il presidente del Consiglio Valle e il presidente del Consiglio permanente degli Enti locali.

Quest’anno, le onorificenze a Chevalier de l’Autonomie sono assegnate a Emma Bochet, Bruno Brunod, Giovanni Chiantaretto, Pietro Passerin d’Entrèves e Gianfranco Trevisan.
Sono invece insigniti Amis de la Vallée d’Aoste Patrick-Alain Bertoni, Kílian Jornet i Burgada, Don Stefano Cerri e Christophe Darbellay.

La cerimonia sarà allietata dalla Corale Grand Combin.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito del Consiglio regionale (www.consiglio.vda.it), sul canale YouTube del Consiglio (www.youtube.it/user/consvda) oltre che sul canale televisivo TV Vallée (canale 15 del digitale terrestre).

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Pierluigi Marquis chiede trasparenza ai colleghi sulle vaccinazioni. ADU critica: «la classe dirigente salva prima il proprio deretano»

«Come sempre iniziano le speculazioni politico-mediatiche e affiorano insinuazioni su possibili beneficiari furbetti politici e pertanto nel ruolo pubblico di consigliere regionale ritengo doveroso rendere noto che il sottoscritto e i sui familiari, tra i quali come in molte altre famiglie figurano over 80, non sono stati sottoposti a vaccinazione e attendono fiduciosi il proprio turno». È quanto scrive su “Facebook” l’ex presidente della Regione Pierluigi Marquis.

Scontro tra Arcigay e Renaissance per le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi sul disegno di legge Zan: «la diversità non è negativa»

«Le recenti dichiarazioni dell’onorevole Vittorio Sgarbi rispetto al disegno di legge Zan, rilasciate in un video sui social, sono agghiaccianti: Sgarbi afferma che l’approvazione della legge contro l’omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo introdurrebbe in Italia “un qualcosa paragonabile alla pedofilia di Stato”, ritenendo che l’omosessualità sia un crimine paragonabile alla pedofilia». È quanto ha denunciato su “Facebook” l’associazione “Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA”.

X