Fino al 31 marzo potranno essere presentate, sul “Sian”, le domande per le autorizzazioni di nuovi impianti viticoli in Valle d’Aosta

Scritto da aostapresse

24 Febbraio 2020 - 15:15
tag: sianuvavitigni
Un vitigno valdostano

Fino a martedì 31 marzo 2020 potranno essere presentate le domande per le autorizzazioni di nuovi impianti viticoli, in base a quanto previsto dal decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali n. 12272 del 15 dicembre 2015, modificato con decreto ministeriale n. 935 del 13 febbraio 2018.

Le domande devono essere presentate in modalità telematica nell’ambito del “Sistema informativo agricolo nazionale – Sian”, recandosi presso l’Ufficio produzioni vegetali dell’Assessorato turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali sito a Saint-Christophe in località La Maladière 39, aperto al pubblico il martedì e il giovedì dalle ore 9 alle ore 14 e su appuntamento gli altri giorni (per informazioni 0165 275212).

I richiedenti dovranno avere il fascicolo aziendale validato dal centro di assistenza agricola di competenza, dal quale dovrà risultare una superficie aziendale in conduzione pari o superiore a quella richiesta per i nuovi impianti.

Fonte: Ufficio stampa Regione Autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Invasione di api alla discarica, dopo che un’arnia è stata buttata via in mezzo al legname. Preoccupazione per il rischio di contagio della peste americana

L’incoscienza di un apicoltore hobbista, che ha gettato nell’isola ecologica un’arnia ancora contenente favi e miele, portata poi insieme ad altro legname nella discarica di Brissogne, ha provocato l’invasione di numerose api nella zona ed il rischio di diffondere ulteriormente in Valle d’Aosta l’epidemia di “peste americana”, una malattia batterica letale che sta decimando gli alveari, in quanto non esiste una cura riconosciuta ed efficace.

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

X