Gli albergatori chiedono “misure straordinarie anti-crisi” a seguito della psicosi del “coronavirus”, dalla sospensione dei mutui all’interruzione dei pagamenti

Scritto da aostapresse

26 Febbraio 2020 - 12:19
L'insegna della 'Adava'

«Cari amici e colleghi, purtroppo, nonostante le rassicurazioni e le iniziative che sia come sistema che come singoli imprenditori stiamo mettendo in campo per cercare di arrestare l’emorragia di prenotazioni, le cancellazioni e le disdette per le prossime settimane, ma anche per soggiorni da svolgersi addirittura in estate o a primavera inoltrata, non si arrestano». Inizia così una comunicazione che Filippo Gérard, presidente della “Associazione degli albergatori ed imprese turistiche della Valle d’Aosta – Adava” ha inviato nella mattinata di mercoledì 26 febbraio agli associati.

«Vi segnalo che, come associazione a livello regionale e come “Federalberghi” a livello nazionale – prosegue – stiamo lavorando nelle sedi istituzionali preposte affinché vengano attivate quanto prima delle misure straordinarie per supportare le nostre aziende e i nostri lavoratori in questo difficile momento. Alcune delle richieste su cui lavoreremo concretamente sono la sospensione delle rate dei mutui “Finaosta” (non escludendo specifici accordi con gli istituti di credito privati), l’interruzione del pagamento delle imposte, delle bollette e dei contributi fiscali e previdenziali, oltre a specifiche misure destinate a sostenere il lavoro e il reddito dei nostri collaboratori».

«In merito a quest’ultima misura – conclude Gérard – vi anticipo che venerdì prossimo è stato convocato un Consiglio politiche del lavoro regionale straordinario di cui faccio parte e al quale parteciperò in prima persona facendomi portavoce delle nostre richieste finalizzate a contenere gli ingenti danni economici subiti dalle nostre aziende e dai nostri collaboratori in questo contesto. Anche su questi aspetti la situazione è in continua evoluzione e sarà nostra cura tenervi aggiornati in merito».

Fonte: Associazione degli albergatori ed imprese turistiche della Valle d’Aosta – Adava

 

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Alla Valle d’Aosta 35 milioni di euro sui 430 approvati dall’antitrust europea per gli operatori degli impianti sciistici, chiusi tra dicembre ed aprile

L’autorità antitrust dell’Unione europea ha approvato, mercoledì 4 agosto, un risarcimento di 430 milioni di euro, sul totale di 800 milioni stanziati dal Governo italiano, destinato agli operatori degli impianti sciistici per i danni subiti a causa delle misure restrittive che introdotte per limitare la diffusione del coronavirus, vietando l’accesso del pubblico agli impianti tra il 4 dicembre 2020 ed il 30 aprile 2021.

Presentate 773 domande in 24 ore per le misure di sostegno alle famiglie valdostane, con una richiesta di oltre un milione e mezzo di euro

Alle ore 14 di martedì 3 agosto, dopo 24 ore dall’avvio delle misure anti-crisi covid previste dall’articolo 26 della legge regionale numero 15/2021, destinate alle famiglie, sono state complessivamente 773 le domande presentate tramite il portale regionale, per un totale complessivo di 1.508.200 euro richiesti, oltre la metà del fondo di tre milioni di euro stanziato dal Governo regionale lo scorso 29 luglio.

Sono in Valle d’Aosta i dodici pellegrini della staffetta “Road to Rome”, partita a giugno da Canterbury che arriverà il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca

È arrivata in Valle d’Aosta domenica 1° agosto la staffetta organizzata dalla “Associazione europea delle Vie Francigene”, passando per il Colle del Gran San Bernardo, cominciando a percorrere così il tratto italiano della Via Francigena. Il gruppo, partito da Canterbury lo scorso 16 giugno, attraverserà nelle prossime settimane dieci regioni da nord a sud, per arrivare il 10 settembre a Roma e il 18 ottobre a Santa Maria di Leuca, completando così i 3.200 chilometri che compongono lo storico itinerario che da secoli collega Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia.

X