Il 9 maggio si apre la pesca: «nel momento della ripartenza, concediamo il riavvicinamento con l’ambiente» sottolinea Albert Chatrian

Scritto da aostapresse

4 Maggio 2020 - 16:40
Un momento di pesca in Valle d'Aosta

L’Amministrazione regionale ricorda, in una nota diffusa lunedì 4 maggio, che “tra le attività sportive che caratterizzeranno la “fase 2” dell’emergenza “covid-19” in Valle d’Aosta c’è anche la pesca. L’attività sportiva che coinvolge sul territorio valdostano un migliaio di appassionati è stata infatti inserita nell’ordinanza del presidente della Regione n. 192, datata 3 maggio 2020, tra le “concessioni” fatte ai valdostani nella fase di ripartenza”.

Albert Chatrian, assessore regionale all’ambiente, risorse naturali e Corpo forestale ha quindi firmato il decreto che dà il via libera, a partire da sabato 9 maggio, “all’attività di pesca nelle acque libere e nelle riserve a gestione privata nel territorio regionale, come regolamentata dal calendario ittico 2020, già oggetto di un proprio decreto siglato il 10 febbraio di quest’anno. In ottemperanza alla normativa “covid-19”, l’attività dovrà essere svolta in osservanza delle misure di prevenzione e di gestione dell’emergenza epidemiologica.

https://aostapresse.it/2020/05/03/in-valle-daosta-la-fase-2-dellemergenza-consente-in-pratica-le-passeggiate-in-montagna-e-la-pesca-restano-chiusi-i-parrucchieri-ma-non-quelli-per-cani/

«Nel momento della ripartenza – dichiara l’assessore – pur con la sensibilità necessaria ad affrontare la “fase 2” dell’epidemia, ci è sembrato giusto inserire tra le attività consentite anche la pesca che, pur coinvolgendo un gran numero di persone tra i valdostani, meglio rappresenta le caratteristiche delle misure che si devono osservare nella gestione del distanziamento delle persone. E’ infatti uno sport praticato per lo più da soli e in contesti dove non vi è possibilità di assembramenti».

«Ci è sembrato inoltre importante – conclude Chatrian – far riappropriare i valdostani del “contesto natura” che caratterizza il nostro territorio regionale. In questo momento un riavvicinamento con l’ambiente è sicuramente importante anche per affrontare con maggiore serenità la ripartenza ad una quotidianità che dobbiamo reimparare a vivere. E in questa fase, come quelle che verranno per impostare una convivenza con la presenza del virus, riteniamo che le Regioni debbano intervenire per ritagliare gli interventi a seconda delle proprie peculiarità».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

La Valle d’Aosta ha prodotto, nel 2020, oltre 1.300 tonnellate di Raee, i rifiuti elettrici ed elettronici, più di dieci chili pro capite

La Valle d’Aosta è la regione più virtuosa nella raccolta dei rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, “Raee”. A confermarlo è il secondo rapporto del “Centro di coordinamento Raee” pubblicato sulla raccolta dati del 2020, che registra, per la Valle d’Aosta, una raccolta di 1.328 tonnellate di rifiuti, un valore cresciuto del 2,61 per cento rispetto al risultato del 2019, con 10,39 chilogrammi di rifiuti elettronici per abitante.

X