La foto di gruppo della decima edizione del 'Premio regionale per il volontariato'

Il Consiglio Valle affianca al “Premio regionale del volontariato” il premio al femminile “Au cœur de la reprise” per le migliori reazioni alla pandemia





Sono due i premi banditi dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta per sostenere le migliori esperienze di reazione all’emergenza epidemiologica sul territorio valdostano: all’undicesima edizione del “Premio regionale del volontariato”, che si concentra quest’anno sulla capacità di superare la crisi legata alla pandemia, si affianca il neonato premio “Au cœur de la reprise”, pensato per mettere in luce il ruolo delle donne nel proporre soluzioni per la ripartenza.

«L’impegno del Consiglio a sostegno della ripartenza – dichiara la presidente Emily Rini – si concretizza in un aiuto concreto verso quei soggetti privati che investono le proprie energie e le proprie risorse nei progetti di rinascita. Da una parte abbiamo voluto che un’iniziativa storica e importante come il “Premio regionale del volontariato” fosse dedicata a quest’urgenza, potenziando le iniziative delle associazioni che spesso riescono a intervenire in modo efficace e puntuale verso le emergenze sociali; dall’altra, abbiamo ideato un percorso nuovo per rendere evidente come ogni componente della nostra società può giocare un ruolo di primo piano nella ripresa della nostra regione».

Il Premio “Au cœur de la reprise: esperienze di ripartenza al femminile” nasce con l’intenzione di dare un riconoscimento a esperienze particolarmente significative di “ripartenza” dopo l’emergenza “covid-19” in Valle d’Aosta, concentrandosi su realtà che hanno come protagoniste le donne. Possono essere candidate imprenditrici, professioniste, volontarie, responsabili e dipendenti di enti, aziende e associazioni, portatrici di esperienze che affondano le loro radici nel periodo di difficoltà legato alla pandemia, con l’obiettivo di superare la fase critica attuale. Il progetto si indirizza verso due settori, quello imprenditoriale-professionale e quello sociale-medico-sanitario: per ciascuno di essi sono previsti due premi, rispettivamente da 3.000 e 2.000 euro. Al centro della valutazione ci saranno la capacità di reazione all’emergenza attraverso iniziative originali ed efficaci, radicate sul territorio e adatte a essere un esempio per altre ripartenze.

Giunto all’undicesima edizione, il “Premio regionale per il volontariato” è organizzato dal Consiglio regionale in collaborazione con il “Csv” ed è sostenuto dai “Lions Club Aosta Host” e “Aosta Mont-Blanc”, nonché dei “Rotary Club Aosta” e “Courmayeur Valdigne”. La sua finalità è la valorizzazione del ruolo del volontario nella società e la diffusione della cultura della solidarietà: possono essere candidate organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, gruppi di volontari ed enti con finalità sociali che operino attraverso volontari sul territorio valdostano. L’edizione 2020 si dedica alle nuove fragilità e alle emergenze inedite conseguenti all’epidemia, premiando i migliori progetti volti a superare la fase critica, siano essi rivolti al miglioramento della vita o alla promozione e valorizzazione dei diritti delle persone in campo socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo. Il Premio consiste in un contributo di 5.000 euro da destinare al progetto vincitore: a questo si affiancano quattro riconoscimenti da 4.000 euro ciascuno.

Lo scorso anno il Premio regionale del Volontariato è andato all’associazione di promozione sociale “La Petite Ferme du Bonheur” di Doues per un progetto di incontro tra mondo della scuola, agricoltura e disabilità. I riconoscimenti erano andati alle associazioni “La Casa di Sabbia”, “Miripiglio”, “Diapsi”, “Aned – Associazione nazionale emodializzati, dialisi e trapianto” e “Mia – Memoria impegno azione”. Il termine per la presentazione delle candidature per entrambe le iniziative è il 31 agosto 2020; la premiazione avverrà nel mese di ottobre 2020. I regolamenti dei due premi e i moduli di partecipazione sono disponibili sul sito del Consiglio Valle.

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta
Precedente

Il naufragio dei migranti di fronte alle coste tunisine

Prossimo
L'insegna dell'Azienda Usl, ad Aosta

I principali provvedimenti della Giunta regionale di venerdì 12 giugno: oltre 12 milioni di euro all'Usl, per la quale sono stati fissati gli indirizzi ed obiettivi





Total
0
Share