Un momento dell'incontro tra Dominidiato e Morelli

Il questore visita “Confcommercio”: «installate un “adeguato” sistema di videosorveglianza» ha suggerito all’associazione di commercianti





Nella giornata di mercoledì 5 febbraio 2020 presso gli uffici dell’associazione il Questore di Aosta Ivo Morelli ha fatto visita al presidente Confcommercio Valle d’Aosta Graziano Dominidiato.
«L’obiettivo di tale incontro – scrive Dominidiato in una nota – è stato quello di fare il punto della situazione riguardo ai fatti di cronaca (furti e tentate rapine) avvenuti sul territorio valdostano nei giorni scorsi. I protagonisti di tali episodi, ovvero bar e ristoranti del capoluogo aostano, sono stati sostenuti ed aiutati dal personale delle Forze dell’Ordine della Questura e dell’Arma dei Carabinieri che, grazie alle serrate indagini e ricerche successive ai fatti, sono riusciti a risalire repentinamente all’identificazione del colpevole dei reati».

«A tal proposito il Questore ha ribadito l’importanza di installare all’interno dei pubblici esercizi ed attività commerciali un “adeguato” sistema di videosorveglianza – racconta il presidente di Confcommercio Valle d’Aosta – sia essa interna che esterna, che possa assolvere alle esigenze di sicurezza preventiva e di successivo supporto alle Forze dell’Ordine in caso di eventi di furti e rapine, attraverso un corretto posizionamento degli impianti. La seconda ed importante riflessione avvenuta da parte del Questore è stata ricordare il Protocollo di collaborazione in tema di videoallarme antirapina stipulato tra Ministero dell’Interno, Confcommercio Imprese per l’Italia e Confesercenti nel 2009, a cui possono aderire, oltre alle suddette Confederazioni ed alle loro rappresentanze locali e di categoria, anche le altre organizzazioni di categoria e gli esercenti non consociati».

«Il sistema, configurato secondo precisi requisiti tecnici – si legge ancora – interagisce con centrali operative di Istituti di vigilanza o direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza».

«Un ulteriore elemento di criticità emerso dall’incontro è legato alla scarsa illuminazione di alcune zone cittadine – rimarca Graziano Dominidiato – che rende così inefficiente il lavoro delle telecamere pubbliche e private presenti, delle quali si auspica l’implementazione. A tal proposito Confcommercio VdA rappresenta di aver già segnalato all’Amministrazione comunale la necessità di adeguare l’illuminazione esistente con dei corpi illuminanti a led. Tale incontro rappresenta il primo di una serie di appuntamenti nei quali Confcommercio VdA si impegna a dare il proprio contributo per la sicurezza dei propri consociati, anche in relazione ai numerosi eventi organizzati sul territorio regionale».

Fonte: Ascom Confcommercio Valle d’Aosta

Precedente
Un Tir che va verso il Traforo del Monte Bianco

Controlli straordinari di mezzi pesanti ed autobus al Traforo del Monte Bianco e nell'area di Pollein per la campagna di prevenzione "Truck and Bus"

Prossimo
Un momento della presentazione della Coppa del mondo di sci alpino

Presentato l'appuntamento valdostano della Coppa del mondo di sci alpino, a La Thuile sabato 29 febbraio e domenica 1° marzo





Post correlati
Total
0
Share