Italgas acquisirà 150 chilometri di reti di Energie Rete Gas in Valle d’Aosta. Previsto l’allacciamento al metanodotto in altri 17 Comuni

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 10:00
I cartelli che indicano il metanodotto a fianco della Dora

Italgas ed Energie Rete Gas, società di trasporto gas del Gruppo Energetica, hanno raggiunto un accordo in esclusiva relativamente alle infrastrutture in esercizio, in costruzione e in sviluppo di proprietà di Energie Rete Gas localizzate in Valle d’Aosta. Una nota annuncia che “l’intesa prevede l’acquisizione da parte di Italgas, al verificarsi di alcune condizioni sospensive, di circa 150 chilometri di reti di proprietà di Energie Rete Gas in esercizio, in costruzione e in sviluppo, a Pont-Saint-Martin, Gressoney-La-Trinité, Antey Saint-André, Torgnon, Verres, Ayas, Pollein, Pila, nella Valdigne, Châtillon, Breuil Cervinia e Valtournenche che diventeranno parte integrante della rete di
distribuzione di Italgas in Valle d’Aosta”.

“Il valore dell’operazione – continua Italgas- include una RAB (acronimo di “Regulatory asset base”, tradotto in italiano con il termine “Capitale investito regolatorio” o “Capitale investito netto riconosciuto”, abbreviato in “Cir” o “Cin”, che rappresenta una grandezza di riferimento primaria per la determinazione dei ricavi annui, e quindi del conto economico, delle aziende operanti nei settori regolati in regime di monopolio, n.d.r.) di circa 16 milioni di euro per reti attualmente in esercizio, destinata a incrementarsi fino a circa 85 milioni di euro con il completamento di quelle in costruzione e in sviluppo. La positiva conclusione dell’operazione permetterà di accelerare lo sviluppo della rete di distribuzione in Valle d’Aosta, dando così piena attuazione al Piano di sviluppo presentato nella gara d’Ambito, basato su oltre 100 milioni euro di investimenti e che prevede, tra l’altro, la metanizzazione di ulteriori 17 Comuni e il raddoppio dei clienti finali serviti rispetto ai 20mila attuali”.

«Quest’operazione – ha commentato l’amministratore delegato di Italgas, Paolo Gallo – ci consente di unire le forze con un’importante realtà della Valle d’Aosta raggiungendo un significativo obiettivo: accelerare lo sviluppo della rete di distribuzione regionale rispetto al Piano della gara
d’Ambito generando così significativi benefici per il territorio. Nella fase storica che stiamo vivendo, gli investimenti in infrastrutture rappresentano una delle leve più efficaci per contribuire al rilancio dell’economia locale creando valore e lavoro per le comunità».

Fonte: Ufficio stampa Italgas

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

La Valle d’Aosta ha prodotto, nel 2020, oltre 1.300 tonnellate di Raee, i rifiuti elettrici ed elettronici, più di dieci chili pro capite

La Valle d’Aosta è la regione più virtuosa nella raccolta dei rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, “Raee”. A confermarlo è il secondo rapporto del “Centro di coordinamento Raee” pubblicato sulla raccolta dati del 2020, che registra, per la Valle d’Aosta, una raccolta di 1.328 tonnellate di rifiuti, un valore cresciuto del 2,61 per cento rispetto al risultato del 2019, con 10,39 chilogrammi di rifiuti elettronici per abitante.

X