Un italiano residente in Francia, positivo al covid-19, non ha rispettato gli obblighi di quarantena: fermato al Traforo del Monte Bianco mentre tornava a Milano

Scritto da aostapresse

7 Aprile 2021 - 11:40

Nel pomeriggio di martedì 6 aprile, gli agenti della Polizia di Stato ha denunciato un cittadino italiano residente in Francia per violazione degli obblighi della quarantena obbligatoria.

“Nell’ambito dei controlli in atto finalizzati anche all’osservanza delle misure anti covid-19 – si legge in una nota della Questura di Aosta – gli agenti della sezione di Polizia di Frontiera in servizio presso il Traforo del Monte Bianco hanno sottoposto a controllo un uomo che entrava in territorio nazionale a bordo della propria auto. Dagli accertamenti effettuati, si è rilevato che il soggetto è stato sottoposto a screening mediante tampone oro-faringeo/nasale eseguito il giorno 31 marzo scorso, risultando positivo, e che è destinatario di ordinanza di quarantena obbligatoria da trascorrere presso il proprio domicilio di Milano”.

“Ulteriori accertamenti hanno evidenziato che, il pomeriggio dello stesso giorno, l’uomo ha attraversato il tunnel diretto in Francia – sottolineano i poliziotti – l’uomo è stato denunciato ed invitato a fare rientro presso la propria residenza francese; dovrà sottoporsi a tampone molecolare allo scadere dei dieci giorni e potrà fare rientro in Italia solo se l’esito sarà negativo e previa comunicazione all’ufficio sanitario preposto”.

Fonte: Questura di Aosta

Potrebbe interessarti anche…

correlati

Rollandin, Perron e Lévêque assolti anche in appello dall’accusa di turbativa d’asta: «restano le conseguenze, psicologiche e materiali»

«Non posso che esprimere soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di Torino che conferma quella di assoluzione già emessa in primo grado dal Tribunale di Aosta “perché il fatto non sussiste” in relazione alla mia nomina nel 2015 a presidente della “Finaosta”».
Commenta così Massimo Lévêque, presidente della finanziaria regionale dall’11 agosto 2015 al 31 agosto 2018 in merito al caso giudiziario che lo ha coinvolto insieme all’attuale consigliere regionale Augusto Rollandin ed Ego Perron, rispettivamente presidente della Regione ed assessore regionale alle finanze dal 10 giugno 2014 al 10 marzo 2017.

La Sovrintendenza agli studi capofila di un Consorzio per la mobilità “Erasmus+” per gli studenti valdostani: «per i giovani un’opportunità per lo studio in un Paese dell’UE»

La Sovraintendenza agli studi della Valle d’Aosta ha conseguito l’accreditamento come ente capofila di un Consorzio di scuole per le mobilità di dirigenti scolastici, docenti e studenti della Valle d’Aosta a seguito di una selezione da parte dell’agenzia nazionale “Erasmus+”, scuola che ha accreditato 287 progetti su 478 candidature presentate.

X