La Regione ha acquisito il Pont-Suaz sulla Dora Baltea, tra Aosta e Charvensod, diventerà parte della strada regionale 18 di Pila

Scritto da aostapresse

29 Marzo 2021 - 12:10

La Giunta regionale della Valle d’Aosta, nel corso della seduta di lunedì 29 marzo ha approvato l’acquisizione al demanio stradale di competenza dell’Amministrazione regionale del ponte sulla Dora Baltea denominato “Pont-Suaz”, posto tra i comuni di Aosta e Charvensod.

«L’acquisizione al patrimonio regionale del Pont-Suaz – spiega l’assessore regionale Carlo Marzi – è un passaggio di consegne tra amministrazioni che definirei storico, considerato che risale al 1858 la costituzione del consorzio formato dai Comuni dell’Envers per la ricostruzione del ponte sulla Dora Baltea a collegamento con il capoluogo regionale».

“Il consorzio dei Comuni di Aosta, Cogne, Aymavilles, Jovençan, Gressan, Charvensod, Pollein e Brissogne – ricorda una nota della Presidenza della Regione – si era costituito per suddividere la spesa necessaria alla ricostruzione del ponte in pietra, poi realizzato nel 1861. Il manufatto ha nel tempo assunto grande importanza quale nodo viabile ad alti flussi di traffico, tanto che nel 1982 l’Amministrazione regionale si è fatta carico dell’allargamento della sede stradale originaria. L’assunzione alla proprietà regionale dell’opera si pone in analogia ad altri importanti attraversamenti sulla Dora Baltea che consentono un diretto collegamento con le strade classificate regionali”.

«Abbiamo ritenuto importante soddisfare la richiesta avanzata dalle Amministrazioni comunali – aggiunge Marzi – vista l’importanza che il Pont Suaz ha assunto nel contesto viabile, crocevia di ben tre strade regionali con un transito annuo di circa sette milioni di veicoli. Il ponte diverrà parte della strada regionale 18 di Pila, e la Regione si farà carico delle risorse economiche necessarie a garantirne l’efficienza in servizio e a sostenerne i futuri interventi manutentivi».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X