La Regione ha completato, dopo due mesi, le procedure per la cassa integrazione. «Ora mi auguro che l’Inps faccia il suo lavoro» dichiara Bertschy

Scritto da aostapresse

5 Maggio 2020 - 19:00

In una nota diffusa nella serata di martedì 5 maggio, l’Assessorato regionale degli affari europei, politiche del lavoro, inclusione sociale e trasporti comunica che “tutte le istruttorie per l’accesso alla cassa integrazione guadagni in deroga, sono concluse”.

Entro la giornata di mercoledì 6 maggio “il Dipartimento politiche del lavoro e della formazione – si legge ancora – provvederà ad approvare gli ultimi provvedimenti dirigenziali e a comunicare all’Istituto nazionale di previdenza sociale i relativi dati delle domande completate, affinché la liquidazione consenta ai lavoratori valdostani di affrontare con un maggior grado di serenità questo momento di grave crisi economica”.

«Abbiamo concluso il nostro lavoro – afferma l’assessore Luigi Bertschy – e ora mi auguro che anche l’Inps riesca a concludere rapidamente il suo, al fine di dare le risposte che i lavoratori attendono. Sono soddisfatto per la risposta data dalla struttura amministrativa che si è dedicata all’istruttoria delle istanze, presentate da aziende e consulenti e totalmente elaborate a cura dei nostri uffici, resa più complessa dalla modalità di smartworking e dalla difficoltà legata alle situazione particolare in cui si trova l’intero sistema economico regionale. L’attenzione è ora rivolta al probabile rifinanziamento della cassa in seroga. Incontreremo a breve i consulenti del lavoro per analizzare il lavoro svolto in questa prima fase e per verificare come affinare e semplificare ancora l’utilizzo della piattaforma».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X