Giuseppina Argenti ed Adriano Decolombi con parte della refurtiva recuperata

La Squadra mobile scopre due ladri piemontesi che avevano rubato, ad Aosta, circa 70mila euro a degli anziani. Una è stata arrestata, l’altro è ricercato





La “Squadra mobile” della Questura di Aosta, a seguito di un’articolata attività d’indagine, ha eseguito, nella serata di venerdì 21 febbraio, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili di
alcuni episodi di furto in abitazione avvenuti in questo capoluogo.

Gli accertamenti esperiti hanno permesso agli investigatori di ricondurre i citati episodi criminosi ad un uomo, Adriano Decolombi, 54 anni (ricercato), ed una donna, Giuseppina Argenta, 55 anni (arrestata), residenti a Villafranca Piemonte, che si spostavano dalla provincia torinese verso questa Regione, con l’obiettivo di individuare vittime da derubare privilegiando la cosiddetta “fascia debole” ovvero persone anziane, rendendole vere e proprie fonti di profitto.

Gli autori del reato, con vari stratagemmi, per esempio spacciandosi in modo deprecabile e subdolo per amici o conoscenti delle parti offese, riuscivano a carpire la fiducia degli anziani, introducendosi nelle loro abitazioni per poi derubarli, impossessandosi di denaro contante ed oggetti di valore. I malviventi, riuscendo ad accedere con l’inganno alle casseforti presenti nelle abitazioni delle ignare vittime, sono riusciti a sottrarre ai malcapitati denaro contante, buoni postali e monili in oro e argento, per un valore complessivo di circa 70.000 euro.

Le indagini, sia attraverso l’acquisizione di dati telefonici ed immagini di sistemi di videsorveglianza, hanno consentito di giungere all’identità dei colpevoli. Alla luce della gravità delle condotte poste in essere, nei confronti dei suddetti, aventi a proprio carico precedenti specifici, la competente Autorità Giudiziaria ha disposto l’immediata traduzione in carcere.

Fonte: Questura di Aosta

Precedente
Emanuela Cognigni, dirigente della 'Squadra mobile' della Questura di Aosta

Un marito violento denunciato dalla Polizia ed allontanato dall'abitazione, dove picchiava e minacciava la moglie: «uscirai da qui solo con i piedi distesi»

Prossimo
L'epigrafe della piccola Valentina: "non fiori ma offerte in sostegno alla causa della famiglia"

L'Usl minaccia querele verso chi ha criticato, sui "social", il personale dell'ospedale "Beauregard" dopo la morte della piccola Valentina





Post correlati
Total
0
Share