L'arresto del 33enne italiano da parte degli agenti della 'Mobile' di Aosta

Al Traforo del Monte Bianco la Polizia intercetta un ricercato olandese. Arrestato anche un 33enne italiano condannato a due anni di carcere





Durante l’attività di contrasto della criminalità transfrontaliera svolta dalla Polizia di Frontiera in servizio presso il Traforo Monte Bianco, sulla piattaforma italiana del Traforo, in uscita del territorio nazionale, veniva controllata, nella notte di giovedì 11 giugno 2020, un’autovettura “Opel Astra” con targa olandese con a bordo quattro persone, tre cittadini olandesi ed una cittadina italiana.

“Dal controllo in “banca dati Schengen” – spiegano dalla Questura di Aosta – uno dei tre olandesi a bordo dell’auto risultava essere ricercato in seguito a mandato di arresto europeo. L’uomo veniva, pertanto, tratto in arresto e associato presso la Casa circondariale di Brissogne a disposizione del presidente della Corte di Appello di Torino”.

Precedentemente, la Polizia di Stato aveva arrestato un 33enne italiano, in esecuzione di un ordine di carcerazione: “gli investigatori della Squadra mobile hanno rintracciato il soggetto in territorio valdostano – raccontano i poliziotti – a suo carico pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Torino, che lo ha condannato a una pena di due anni di reclusione perché ritenuto colpevole del reato di furto aggravato. L’uomo è stato tratto in arresto e tradotto presso la Casa circondariale di Brissogne”.

Fonte: Questura di Aosta
Precedente
L'insegna dell'Azienda Usl, ad Aosta

I principali provvedimenti della Giunta regionale di venerdì 12 giugno: oltre 12 milioni di euro all'Usl, per la quale sono stati fissati gli indirizzi ed obiettivi

Prossimo
I letti nella struttura di Perloz

A Perloz apre l'Unità di cure residenziali estensive, dedicata ad ex ricoverati adulti ed anziani in attesa di rientrare a casa o in microcomunità





Post correlati
Total
0
Share