Le Commissioni in riunione congiunta nell'aula del Consiglio Valle

«Lavoro serrato» della seconda e quinta Commissione del Consiglio Valle per esaminare il terzo disegno di legge di sostegno alla crisi da “covid-19”





Sono stati depositati, alla Presidenza del Consiglio Valle, nella mattinata di martedì 9 giugno, gli atti del terzo disegno di legge regionale per le misure di sostegno alla crisi economica provocata dall’emergenza sanitaria da “covid-19”, il cui esame è previsto a partire da mercoledì 10 giugno, da parte della seconda Commissione “Affari generali” e della quinta Commissione “Servizi sociali”.

Il terzo disegno di legge regionale di sostegno per la crisi provocata dal “covid-19”

«Le Commissioni si riuniranno congiuntamente nell’Aula consiliare – annunciano in una nota i presidenti delle due Commissioni, rispettivamente Pierluigi Marquis e Patrizia Morelli – i cui spazi sono stati adeguati per garantire la sicurezza attraverso il necessario distanziamento. Mercoledì audiremo il presidente della Regione e gli assessori per l’illustrazione dei testi di legge. I commissari tutti hanno dato la loro disponibilità a lavorare in maniera serrata vista la necessità di dare alla comunità valdostana le giuste risposte a questa crisi».

Il 10 giugno Marquis ha evidenziato che «il testo del disegno di legge è complesso e articolato e c’è la necessità di esplicitare i dettagli delle cifre fornite in aggregato nelle tabelle che sono pervenute solo ieri. Il presidente Renzo Testolin si è impegnato a fornire la documentazione necessaria in modo da poter proseguire i lavori domani mattina con l’analisi del disegno di legge. È fondamentale valutare con la dovuta attenzione la proposta, portando i contributi necessari, anche in considerazione di una sua celere e semplice attuazione, ma da parte di tutti c’è la volontà di lavorare per dare al più presto risposte alla comunità valdostana in questo momento di grande difficoltà».

«L’assestamento di bilancio – ha aggiunto la Morelli – contiene importanti misure in materia di sanità e di istruzione: l’atto è stato pertanto assegnato alla nostra Commissione. Si tratta di un impianto robusto, con interventi corposi: da una parte, viene rideterminata la spesa sanitaria (21 milioni di euro) anche in vista della riorganizzazione della rete assistenziale territoriale e ospedaliera così come viene rafforzata l’offerta sanitaria migliorando l’attrattività del sistema e riconoscendo il lavoro svolto dal personale sanitario durante l’epidemia da “covid-19”; dall’altra, si interviene per il ritorno a scuola a settembre sia prevedendo il potenziamento dell’organico del personale sia pianificando gli interventi in materia di edilizia scolastica per fronteggiare l’emergenza».

Giovedì 11 giugno le due Commissioni, riunite in modalità mista, in presenza e in videoconferenza, hanno quindi deciso il cronoprogramma dei lavori: «dopo gli approfondimenti con il Governo regionale – hanno spiegato i due presidenti – vi è ora la necessità per i commissari di esaminare nel dettaglio i provvedimenti al fine di portare i contributi dei gruppi consiliari. Nelle giornate di lunedì 15 e martedì 16 giugno coinvolgeremo i referenti del settore sanitario e del tessuto economico attraverso audizioni e contributi scritti. Contiamo di poter esprimere il parere sui testi di legge entro venerdì 19 e chiedere la convocazione del Consiglio per lunedì 22 giugno. Si tratta di un percorso dal ritmo molto serrato e che tiene conto anche delle audizioni già condotte in questi mesi con tutti i soggetti che rappresentano a vario titolo la comunità valdostana e che ci hanno permesso di ascoltare i loro bisogni e aspettative».

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta
Precedente

Gli affari del governo con l'Egitto di Al-Sisi

Prossimo

Il naufragio dei migranti di fronte alle coste tunisine





Post correlati
Total
0
Share