Mathieu Stevenin, coordinatore delle 'Sardine' valdostane

Le “Sardine” valdostane censureranno sui loro canali “social” le “fake news” sulla psicosi del “coronavirus”





Il gruppo “Sardine Valle d’Aosta”, in una nota, ribadisce che “uno dei punti programmatici del nostro movimento verte su una comunicazione ed un’informazione che si avvicini alla realtà attraverso messaggi fedeli ai fatti”.

“L’attuale crisi emergenziale dovuta alla diffusione del “coronavirus” si sta caratterizzando, invece, per un utilizzo dei social media, ma non solo, improntato, molto spesso, ad un’alimentazione di fobie e paure anziché informazioni corrette sulla delicata situazione – evidenziano le “Sardine” valdostane – siamo preoccupate di un modo di agire che non trova giustificazione se non in uno strumentale sciacallaggio mediatico fine a se stesso. In tal senso confermiamo il nostro impegno per censurare sulle nostre proprie pagine “social” ogni comunicazione volta ad alimentare, attraverso notizie false, un clima divisivo e una psicosi ingiustificata. In ciò convinti che il ritrovare quel senso di comunità che emerge nei momenti più difficili, può essere viatico per un cambiamento concreto e reale”.

“Abbiamo una grande responsabilità e una grande occasione – concludono le “Sardine” valdostane – ci impegneremo per non sprecarla”.

Fonte: Gruppo Sardine Valle d’Aosta

Precedente
La conferenza stampa della Giunta regionale del 24 febbraio

Le conferenze stampa della Regione del 24 febbraio sulla psicosi da "coronavirus" [aostapodcast]

Prossimo
Le tende della Protezione civile davanti il Pronto Soccorso dell'ospedale 'Parini'

Negativi tutti i test sui sei casi sospetti di "coronavirus": in Valle d'Aosta non esistono persone ammalate di influenza virale "covid-19"





Post correlati
Total
0
Share