Luca Montagnani, coordinatore sanitario dell'emergenza 'coronavirus' in Valle d'Aosta

Luca Montagnani ha evidenziato, in quinta Commissione, la necessità di liberare l’ospedale “Parini” dai pazienti “covid-19” non gravi





La quinta Commissione “Servizi sociali” del Consiglio Valle si è riunita in videoconferenza nella mattina di lunedì 27 aprile per sentire il coordinatore sanitario all’emergenza “coronavirus”, Luca Montagnani, e il direttore di Area territoriale con funzioni temporanee, Leonardo Iannizzi, in merito alle misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da “covid-19”.

«Dalle audizioni – riferisce la presidente della quinta Commissione, Patrizia Morelli – è emersa una questione prioritaria in vista della seconda fase dell’emergenza sanitaria: la destinazione dei pazienti “covid” a bassa intensità di cura. Oggi vi è la necessità di trovare una soluzione per riuscire a liberare l’ospedale “Parini” da questa tipologia di pazienti, avendo a disposizione una struttura che sia già organizzata come ospedale. È stata segnalata l’esigenza di trovare un accordo con la clinica di Saint-Pierre che, pur privata, fa parte del sistema sanitario regionale e che potrebbe facilitare questo tipo di soluzione. Prima si riuscirà a sistemare l’ospedale regionale, prima si riuscirà a ripartire con tutte le altre attività: i dati forniti sono incoraggianti, ma non ci devono fare abbassare la guardia».

«Altra urgenza è quella di reclutare personale sanitario da dedicare sia alla sanità ospedaliera sia a quella territoriale – aggiunge la Morelli – questione peraltro già sollevata a più riprese anche prima dell’emergenza da “covid-19”. In merito alla prosecuzione del lavoro sulla predisposizione di una legge in materia di sanità, stanno arrivando le proposte da parte dei vari gruppi consiliari e giovedì inizieremo con il lavoro di sintesi».

 

Per giovedì 30 aprile la Commissione ha già programmato alcune audizioni sugli ordini del giorno approvati dal Consiglio Valle nella seduta del 17 aprile. Sulla situazione relativa ai tamponi a tutto il personale delle Forze dell’ordine, saranno sentiti il Questore di Aosta, Ivo Morelli, il Comandante del Gruppo Carabinieri di Aosta, Carlo Lecca, il Comandante regionale della Guardia di finanza della Valle d’Aosta, Raffaele Ditroia, il Comandante della Polizia municipale di Aosta, Fabio Fiore, la direttrice della Casa circondariale di Brissogne, Rosalia Marino, e il commissario della Polizia penitenziaria della Casa circondariale di Brissogne, Giuseppe Chiappetta. Partendo dall’ordine del giorno riguardante le difficoltà delle persone con disabilità nell’emergenza epidemiologica, saranno auditi il presidente del Coordinamento disabilità Valle d’Aosta, Roberto Grasso, e tre dirigenti dell’Assessorato alla sanità, salute e politiche sociali: il coordinatore del Dipartimento politiche sociali, Patrizia Scaglia, la dirigente della Struttura servizi alla persona e alla famiglia, Nadia Chenal, ed il dirigente della Struttura assistenza economica, trasferimenti finanziari e servizi esternalizzati, Giovanni Zucca.

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta

Precedente
Un controllo della Polizia stradale a Pont-Saint-Martin

Un 33enne di Quart in giro con la sua "500" fermato dalla Polstrada a Pont-St-Martin: guidava con la patente revocata ed era ai "domiciliari"

Prossimo
Sergio Mattarella durante il messaggio del 27 aprile

Il messaggio di Sergio Mattarella del 27 aprile dedicato agli scolari e studenti italiani [aostapodcast]





Post correlati
I cinque nuovi Cavalieri valdostani della Repubblica con le autorità, dopo la cerimonia
Leggi di più

A Palazzo regionale premiati cinque nuovi Cavalieri della Repubblica in una cerimonia “con approccio discreto e rispettoso delle regole”

Sono cinque i nuovi Cavalieri dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana che sono stati insigniti, nella mattinata di martedì 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, in una cerimonia con un "approccio discreto e rispettoso delle regole che caratterizzano questo particolare periodo", recita una nota della Regione autonoma Valle d’Aosta.
Total
0
Share