Una multa della Polizia locale di Aosta

Nel 2019 il Comune di Aosta ha incassato due milioni e mezzo di euro di multe al Codice della strada, ma quasi un milione di euro è di “dubbia esigibilità”





Nella seduta di venerdì 20 febbraio 2020 la Giunta del Comune di Aosta ha approvato la delibera relativa alla ripartizione delle quote derivanti dai proventi delle sanzioni amministrative per violazioni alle norme del Codice della Strada accertate dal Corpo Associato di Polizia Locale di Aosta, Sarre e Saint-Pierre – “Police de la Plaine” per il 2020.
In particolare, nel bilancio di previsione per l’esercizio 2020 si prevedono presunti introiti derivanti dalle sanzioni amministrative di violazione di norme del Codice della strada per 2.550.000 euro. A tale somma va sottratta la quota del fondo crediti di dubbia esigibilità, che per l’anno 2020 in via cautelativa viene fissato in circa 975 mila euro.

Il 50 per cento dell’importo derivante (circa un milione e 575 mila euro) pari a circa 788 mila euro verrà destinato alle finalità previste dall’art. 208 del CdS che comprende “Spese per circolazione e segnaletica stradale”, “Manutenzione ordinaria impianti semaforici”, “Spese custodia veicoli”, “Spese spostamento veicoli”, “Spese personale per segnaletica stradale”, “Servizio di prevenzione e protezione”, “Manutenzione automezzi della Polizia Locale”, “Manutenzione apparecchiature PL”, “Lavoro straordinario”, “Prestazioni di servizi Polizia Locale”, “Collegamenti informatici per accertamenti”, “Acquisti diversi per la Polizia Locale”, “Canone ponte radio”, “Indennità servizio sgombero neve” e “Spese per sgombero neve dell’abitato”.

La Giunta del capoluogo ha anche approvato la determinazione delle tariffe idriche e fognarie per l’anno 2020 sulla base del metodo regionale di cui alla Legge regionale n. 27/99 e successive integrazioni e modificazioni.
Rispetto allo scorso anno le tariffe per gli utenti restano invariate. Cambia, invece, la ripartizione di alcune componenti, prendendo atto di quanto comunicato dall’Assessorato regionale ambiente, risorse naturali e corpo forestale.

La tariffa annuale per l’uso dell’acquedotto dell’acquedotto prevede, fino a 99 mc, solo per l’uso domestico, un costo agevolato di 0,327 euro/, mentre da 100 a 210 mc (e fino a 210 mc per l’uso non domestico), il prezzo della “tariffa base” è di 0,53 euro/mc. Da 211 a 315 mc il prezzo sale a 0,77 euro/mc (“1a fascia di supero”), da 316 a 420 mc il costo aumenta a 0,92 euro/mc (“2a fascia di supero”) ed oltre 421 mc il prezzo è di 1,45 euro/mc (“3a fascia di supero”).
Il costo della fognatura è di 0,175 euro/mc mentre il prezzo per la depurazione è di 0,59 euro/mc. La quota fissa annua è di 15 euro per l’uso domestico e di 30 euro per l’uso non domestico.

Fonte: Comune di Aosta

Precedente
Un'immagine dalle passate consultazioni elettorali

Bastano settecento firme di elettori valdostani per presentare una nuova lista alle elezioni regionali

Prossimo
La nuova segreteria del Savt École: Sabrina Borre, Giorgia Sordi, Daniele De Giorgis, Loris Orantelli e Lidia Milliery

Sabrina Borre è la nuova distaccata del Savt École: nella Segreteria anche Loris Orantelli, Lidia Milliery, Daniele De Giorgis e Giorgia Sordi





Post correlati
L'insegna dell'Azienda Usl, ad Aosta
Leggi di più

I principali provvedimenti della Giunta regionale di venerdì 12 giugno: oltre 12 milioni di euro all’Usl, per la quale sono stati fissati gli indirizzi ed obiettivi

La Giunta regionale ha approvato il documento recante Relazione annuale sulla performance della Giunta regionale della Valle d’Aosta per l’anno 2020. L’Esecutivo ha approvato la convenzione per l’utilizzo, da parte dell’Ente parco naturale Mont Avic, di graduatorie della Regione autonoma Valle d'Aosta/Vallée d’Aoste.
Total
0
Share