Nominato il nuovo direttore dei distretti territoriali 1 e 2: è Francesca Faelli, già dirigente della geriatria. Franco Brinato resta alla guida degli altri due

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 12:10

La dottoressa Francesca Faelli, originaria di Genova, 49 anni il prossimo 4 giugno, è il nuovo direttore dei distretti socio-sanitari 1 e 2, quelli di Morgex e Aosta, dell’area territoriale dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta. Lo comunica l’azienda sanitaria cinque giorni dopo la nomina effettuata dal direttore generale, Angelo Pescarmona, che decorre dal 1° aprile scorso.

I distretti sono gli ambiti organizzativi territoriali per l’effettuazione di attività e l’erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria, di tutela e di promozione della salute, di prestazioni socio sanitarie, di erogazione dei servizi e delle prestazioni socio assistenziali e di integrazione tra servizi sanitari e servizi socio assistenziali.

Francesca Faelli, dopo aver superato all’istituto “Suore dell’Immacolata” di Genova la licenza elementare, la licenza media con il massimo dei voti e, nel luglio 1991, aver ottenuto il diploma di maturità scientifica con il voto di 58/60, si laurea nel marzo 1999 in medicina e chirurgia con 106/110 all’Università degli studi di Genova con la tesi sui “Rapporti tra lo studio della videocapillaroscopia periungueale ed il flusso cerebrale nella sclerodermia”. L’abilitazione professionale all’esercizio della professione medica arriva a novembre dello stesso anno con il voto di 95/100 a cui segue la specializzazione in geriatria e gerontologia dal novembre 2004 con votazione 50/50.

Arriva quindi in Valle d’Aosta nel febbraio 2007, dove fino a luglio 2017, è stata dirigente medico della struttura di geriatria e gerontologia dell’Azienda Usl. La dottoressa Faelli era coordinatrice dell’Unità di valutazione multidimensionale delle disabilità, organo che valuta la situazione intellettiva, psichica generale e fisica dei soggetti disabili di ogni età e definisce la relativa presa in carico da parte dei servizi sanitari e sociali. Inoltre è stata referente dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta per le problematiche nutrizionali dell’anziano e responsabile del relativo ambulatorio e Responsabile della gestione clinico-comportamentale dei pazienti degenti presso il nucleo Alzheimer della casa di riposo “J.B. Festaz” di Aosta.
Docente di geriatria nel corso di Laurea infermieristica dell’Università di Torino è anche operatrice di “pet therapy” dal 2015, socia dell’associazione “Pet Therapy VdA” e responsabile della relativa struttura a Champdepraz.

Francesca Faelli succede a Franco Brinato, alla temporanea guida di tutti i quattro distretti territoriali dell’Azienda Usl, che resta così direttore dei distretti 3 e 4, di Châtillon e Donnas.

Fonte: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta e curriculum vitæ di Francesca Faelli

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Erik Lavevaz evidenzia in Consiglio Valle «l’aumento importante dei contagi» in Valle d’Aosta: «siamo pronti a riattivare l’ospedale da campo»

Lunedì 29 marzo il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha si è incontrato con il presidente del Consiglio del Ministri Mario Draghi, i ministri Mariastella Gelmini e Roberto Speranza, il Generale Francesco Figliuolo e il capo della Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio «per fare il punto sulla situazione delle vaccinazioni, ma anche per un confronto sulle misure nazionali, poi inserite nell’ultimo decreto legge».

Sei ore per fare un tampone “rapido” ad Aosta: Ornella Badery, presidente del Forte di Bard sbotta «non c’è competenza organizzativa»

«Spero che qualcuno si svegli!» Ha scritto così, su “Facebook”, nel pomeriggio di martedì 6 aprile Ornella Badery, presidente dell’Associazione Forte di Bard, già vice sindaca di Pont-Saint-Martin e dirigente di primo livello in Regione, dove fino al 2017 è stata a capo del Dipartimento personale e organizzazione, criticando pubblicamente il servizio di “drive-in” dei testa rapidi per il “covid-19”, definendolo «esperienza allucinante».

X