Anche in Valle d’Aosta l’obbligo vaccinale contro il covid-19 per chi esercita le professioni sanitarie e gli operatori che si occupano di cura ed assistenza

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 17:00

Il decreto-legge 44 del 1° aprile 2021, all’articolo 4, che contiene disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2, introduce l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza.

Lo ricorda, in una nota, l’Assessorato regionale della sanità, salute e politiche sociali: “l’obbligo di sottoporsi a vaccinazione gratuita – si legge – riguarda gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali. La vaccinazione costituisce requisito essenziale per l’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati.
Ciascun Ordine professionale territoriale è tenuto a trasmettere tempestivamente l’elenco degli iscritti e ciascun datore di lavoro degli operatori di interesse sanitario, tra i quali sono compresi anche, a titolo esemplificativo, gli Enti locali e le cooperative sociali, gestori dei relativi servizi, è tenuto a trasmettere l’elenco dei propri dipendenti con l’indicazione, in entrambi i casi, del luogo di rispettiva residenza”.

Al fine di accelerare gli adempimenti prescritti dalle predette disposizioni, l’Assessorato richiede la compilazione della presente tabella che dovrà poi essere inviata all’indirizzo PEC del Dipartimento sanità e salute, sanita_politichesociali@pec.regione.vda.it.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Un italiano residente in Francia, positivo al covid-19, non ha rispettato gli obblighi di quarantena: fermato al Traforo del Monte Bianco mentre tornava a Milano

Nel pomeriggio di martedì 6 aprile la Polizia di Stato ha denunciato un cittadino italiano residente in Francia per violazione degli obblighi della quarantena obbligatoria: “dagli accertamenti effettuati – si legge in una nota della Questura di Aosta – si è rilevato che il soggetto è positivo e destinatario di ordinanza di quarantena obbligatoria da trascorrere presso il proprio domicilio di Milano”.

X