Oltre cento accessi in 24 ore al Pronto soccorso dell’ospedale regionale: «utilizzate in maniera appropriata i servizi di emergenza»

Scritto da aostapresse

19 Marzo 2021 - 16:00

Nel corso del mese di marzo, e soprattutto negli ultimi giorni, si è registrato un significativo aumento degli accessi al Pronto soccorso, che superano quotidianamente ormai le cento unità nelle 24 ore. “Nello specifico, a titolo di esempio, nelle ultime 24 ore – si legge in una nota dell’Azienda Usl – gli accessi sono stati 101, di cui 39 codici bianchi, 51 codici verdi, undici codici gialli e nessun codice rosso”.

«Come abbiamo già avuto modo di dire – lamenta il dottor Stefano Podio, direttore della struttura di medicina e chirurgia di accettazione e d’urgenza ed emergenza territoriale “118” – questi numeri rappresentano una sostanziale “normalità” nei periodi di “ordinaria emergenza”, ma durante la pandemia diventano un problema per la gestione dei flussi, perché ai pazienti in emergenza si sovrappongono quelli positivi al covid o sospetti positivi. Inoltre, pur cercando di mantenere le condizioni di sicurezza quanto più elevate possibile garantendo il doppio percorso pulito/sporco dedicato, dato l’elevato afflusso di utenti e l’evidente aumento di soggetti positivi, anche asintomatici, di questi ultimi giorni è opportuno fare appello alla popolazione, ancora una volta, affinché si rechi in Pronto soccorso per reali emergenze e adotti un atteggiamento responsabile nell’utilizzare i servizi in maniera appropriata».

«È necessario recarsi in Pronto soccorso solo per esigenze di reale emergenza – ribadisce il dottor Podio – e fare riferimento, quando opportuno, al proprio medico di famiglia ed ai servizi sul territorio per situazioni e per patologie non urgenti e di non particolare gravità, questo per evitare che il sovraffollamento del Pronto soccorso in periodo di pandemia sia ulteriore fonte di contagio e impedisca
le cure adeguate ai pazienti che si presentano in emergenza urgenza».

Fonte: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X