I simboli, separati, del Partito Democratico e di 'Impegno Civico', nella scheda elettorale del 2018

Partito Democratico e “Rete Civica” correranno insieme alle prossime elezioni regionali per «lavorare per il bene della comunità»





“Molte valdostane e molti valdostani chiedono alla politica un cambio di passo: ritornare a lavorare insieme per il bene della comunità e aprirsi alla società. Proprio per questo, come Partito Democratico e Rete Civica, abbiamo deciso di promuovere una lista unitaria per le elezioni regionali del prossimo 19 Aprile 2020” Ad annunciarlo una nota congiunta dei due movimenti politici, il PD, che alle elezioni regionali del 20 maggio 2018 aveva raccolto 3.436 voti, con una percentuale del 5,39 per cento, senza eleggere nessun candidato e “Rete Civica”, nata dalla scissione di “Impegno civico” che, invece aveva avuto 4.806 preferenze ed il 7,54 per cento, confermando in Consiglio Valle Alberto Bertin, uscito da Alpe, e facendo entrare Chiara Minelli e Daria Pulz, che aveva polemicamente lasciato il gruppo l’8 gennaio 2019 fondando “Adu VdA”.

“Lo scopo – si legge nella nota – è quello di offrire agli elettori e alle elettrici un progetto complessivo di  governo della nostra Regione, capace di unire le migliori energie e competenze della nostra comunità, per far uscire la Valle d’Aosta dal tunnel del malgoverno e dall’instabilità a cui abbiamo assistito in questi ultimi anni, fino al punto da rendere permeabili e indifese le nostre Istituzioni alle infiltrazioni criminali.
Adesso, più che mai, ci vogliono unità, un programma concreto, uomini e donne motivati e una cultura politica nuova per affrontare concretamente la crisi economica e l’emergenza ambientale che pesano sulle famiglie valdostane e ne mettono in forse il futuro”.

“Tante cose non vanno – evidenziano i due movimenti – la mancanza di prospettive e di lavoro per i giovani valdostani; l’impossibilità, per troppe persone, di costruirsi la famiglia che vorrebbero; il ritorno delle intolleranze e dei fascismi; la corruzione e le infiltrazioni della criminalità organizzata; la demagogia di chi riduce tutto a slogan ideologici.
Per rigenerare la nostra Valle d’Aosta servono: delle nuove politiche di sviluppo efficaci; una lotta senza quartiere alla povertà e all’esclusione sociale; una nuova politica ambientale che risolva definitivamente e radicalmente la giungla delle discariche e lo scempio del nostro patrimonio ambientale, che ci permetta di affrontare l’emergenza climatica globale con azioni locali concrete; delle nuove regole istituzionali, moderne, leggere, sostenibili e capaci di dare un governo stabile alla nostra Regione, fondato, realmente, sul potere di scelta degli elettori”.

“Nei prossimi giorni – annunciano quindi il Partito Democratico e “Rete Civica” – dialogheremo con tutti coloro che vogliono collaborare per avere, finalmente, l’opportunità di far rinascere la nostra Regione. Mettiamo al bando divisioni e personalismi. Questo è il nostro appello a tutte e a tutti, singoli cittadini, movimenti, partiti e associazioni, che condividono queste esigenze, per dare vita a un progetto efficace che possa unire le esperienze e le qualità dell’area progressista, ambientalista, europeista, civica e di sinistra della nostra Regione. E’ ora di costruire insieme un progetto condiviso e aperto, per affrontare, davvero, la prima emergenza della nostra Regione: il futuro”.

Fonte: Partito Democratico e “Rete Civica”

Precedente
L'insegna della 'Adava'

Gli albergatori chiedono "misure straordinarie anti-crisi" a seguito della psicosi del "coronavirus", dalla sospensione dei mutui all'interruzione dei pagamenti

Prossimo
Un momento della riunione

Incontro tra Governo regionale, sindacati e "Chambre" sulla psicosi da "coronavirus". Testolin ribadisce: «nessuna iniziativa restrittiva, non ci sono casi conclamati»





Post correlati
Le schede elettorali per il rinnovo del Consiglio Valle di una precedente consultazione elettorale
Leggi di più

Il 20 ed il 21 settembre i valdostani dovranno eleggere i prossimi consiglieri regionali, sindaci, vice sindaci e consiglieri di 68 Comuni ed esprimersi sulla riduzione dei parlamentari

È stato pubblicato martedì 21 luglio, sul Bollettino ufficiale della Regione numero 45, il decreto del presidente della Regione di convocazione dei comizi elettorali per le elezioni regionali e comunali 2020, che si svolgeranno domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020 in concomitanza con le votazioni per il referendum popolare confermativo relativo all’approvazione del testo della legge costituzionale sulle "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari".
Total
0
Share