La Polizia ferma al Traforo del Monte Bianco un autista francese ubriaco, che era alla guida di un tir da 40 tonnellate

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 11:40

L’autista di un mezzo pesante è stato denunciato «nei giorni scorsi» dagli agenti della Polizia stradale che operano al Traforo del Monte Bianco per guida in stato di ebbrezza alcolica. I controlli, organizzati “nell’ambito dell’intensificazione dei controlli transfrontalieri disposti per il contenimento della diffusione epidemiologica”, si legge in una nota della Questura di Aosta, hanno interessato “un autista francese, conducente di
un autoarticolato con targa francese” il quale “sottoposto alla prova etilometrica, è risultato avere un tasso alcolemico di circa 2 g/l”.

“Oltre alla denuncia penale per guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche – aggiungono i poliziotti – all’uomo è stata ritirata la patente ed stato sanzionato con una multa di 1.300 euro per aver condotto il mezzo pesante senza rispettare i tempi di guida e riposo. La sua condotta illecita e illegale, tenuta alla guida di un veicolo di circa 40 tonnellate, avrebbe potuto creare seri e tragici danni qualora fosse rimasto coinvolto
in un incidente stradale. I conducenti di veicoli pesanti, i neo-patentati e le persone con età inferiore a ventuno anni, non possono mettersi alla guida se hanno assunto bevande alcoliche. Il codice della strada per tali categorie di conducenti prevede, infatti, l’applicazione di una sanzione già con la rilevazione di un tasso alcolemico pari a 0,1 g/l”.

Fonte: Questura di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Rollandin, Perron e Lévêque assolti anche in appello dall’accusa di turbativa d’asta: «restano le conseguenze, psicologiche e materiali»

«Non posso che esprimere soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di Torino che conferma quella di assoluzione già emessa in primo grado dal Tribunale di Aosta “perché il fatto non sussiste” in relazione alla mia nomina nel 2015 a presidente della “Finaosta”».
Commenta così Massimo Lévêque, presidente della finanziaria regionale dall’11 agosto 2015 al 31 agosto 2018 in merito al caso giudiziario che lo ha coinvolto insieme all’attuale consigliere regionale Augusto Rollandin ed Ego Perron, rispettivamente presidente della Regione ed assessore regionale alle finanze dal 10 giugno 2014 al 10 marzo 2017.

Una donna 32enne trovata morta ad Aosta: indaga la Squadra Mobile per omicidio, dopo i lunghi rilievi della Scientifica

Elena Raluca Serban, 32 anni, di origini romene e residente a Lucca, in Toscana, ad Aosta da tre settimane, che abitava al primo piano del condominio “Arc en Ciel”, al numero 48 viale Partigiani, è stata trovata senza vita poco dopo le ore 9 di domenica 18 aprile, in bagno, con una ferita alla gola, dai Vigili del fuoco, intervenuti dopo una telefonata al “112” della sorella Aleksandra e della madre Mariana, che lamentavano di non riuscire più a mettersi in contatto con lei dalla serata di sabato 17.

X