Riaperto il bando del Programma di sviluppo rurale dedicato al settore forestale: la nuova scadenza è al 1° settembre





Sono riaperti i termini per la presentazione delle domande di sostegno a valere sull’intervento 8.6.1 Sostegno agli investimenti nelle tecnologie forestale e nella trasformazione, mobilitazione, commercializzazione e valore aggiunto dei prodotti forestali del Programma di sviluppo rurale 2014/2020.

Il bando, pubblicato sul sito della Regione, riapre i termini per la presentazione delle domande con scadenza al 1° settembre 2020, è rivolto alle imprese di utilizzazione boschiva e di prima trasformazione e prevede l’erogazione di un sostegno economico pari al 40% della spesa ammessa per l’acquisto di macchinari forestali utilizzabili nelle operazioni di taglio, allestimento, concentramento ed esbosco, nonché di altri macchinari utilizzabili per il trasporto aziendale, primo condizionamento e per lavori forestali vari. È previsto anche il sostegno alla realizzazione, al miglioramento o all’adeguamento di fabbricati (quali tettoie, depositi, piazzali e imposti permanenti).

Le domande devono essere presentate all’ufficio protocollo del Dipartimento risorse naturali e Corpo forestale, situato a Quart – loc. Amérique 127/A (aperto dalle ore 9 alle 12, dal lunedì al venerdì) entro le ore 12 del 1° settembre 2020.

Sono previste tre finestre istruttorie, aperte rispettivamente fino alle ore 12 del primo giorno dei mesi di marzo, giugno e settembre 2020. In corrispondenza di tali scadenze gli uffici procederanno all’istruttoria delle domande pervenute fino a quella data.

Per ulteriori informazioni, contattare la Struttura Foreste e sentieristica ai numeri 0165/776259 (ufficio tecnico di supporto per il PSR) e 0165/776226 (supervisore dell’istruttoria).

Il bando e relative istruzioni sono accessibili sul sito della Regione collegandosi al link
https://www.regione.vda.it/agricoltura/PSR_2014-20/Bandi_aperti_misure_strutturali/investimenti_tecnologie_forestali_i.aspx
da dove è possibile scaricare anche tutta la modulistica.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

Precedente

Arrestato dai Carabinieri, a Champorcher, un cittadino albanese ricercato con un mandato di cattura internazionale

Prossimo
I pannelli della mostra 'Ciao Italia!'

"Ciao Italia!" l'exposition dédiée à l'immigration italienne en France à la Bibliothèque régionale pour vingt jours





Post correlati
L'insegna dell'Università della Valle d'Aosta
Leggi di più

I principali provvedimenti della Giunta regionale del 3 luglio: oltre sette milioni di euro all’UniVdA. Alla “Fondation Chanoux” vanno 100mila euro

L'Esecutivo regionale ha approvato la proposta di misure per il contenimento e il controllo della spesa per l'anno 2020 dell'Università della Valle d'Aosta, così come proposto dal Consiglio dell'Università lo scorso 20 dicembre 2019. La proposta prevede il trasferimento all'Università a copertura del fabbisogno per l'attività didattica, amministrativa e di ricerca, per l'esercizio delle funzioni in materia di diritto allo studio di 7 milioni e 250mila euro.
Total
0
Share