Riprende anche in Valle d’Aosta l’utilizzo di “AstraZeneca”: previste oltre 700 vaccinazioni in due giorni ed il recupero delle 110 sospese

Scritto da aostapresse

18 Marzo 2021 - 19:00

Venerdì 19 marzo riprenderanno, anche in Valle d’Aosta, le somministrazioni del vaccino “AstraZeneca”, in seguito alle dichiarazioni del presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi e in ordine alla decisione dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema – European medicines agency”) di “liberare” il vaccino stesso.

“Con “AstraZeneca” saranno vaccinati 250 insegnanti al “Palaindoor” e 72 persone a Morgex, come da programma – annuncia, in una nota, l’Azienda Usl della Valle d’Aosta – nella giornata di sabato 20 marzo è prevista la vaccinazione di 150 persone al “Palaindoor” e domenica 21 marzo di altre 180 al “Palaindoor” e 216 a Donnas. Nei prossimi giorni saranno recuperate le vaccinazioni sospese delle 110 persone che erano prenotate per domenica e lunedì scorsi”.

L’azienda sanitaria, vista la sospensione in via precauzionale del vaccino “AstraZeneca” da parte dell’Agenzia italiana del farmaco su tutto il territorio nazionale, aveva infatti deciso di non effettuare le somministrazioni già previste ad Aosta e Morgez, mentre era proceduta come da programma la sessione vaccinale a Châtillon, dove il 16 marzo è stato utilizzato il vaccino “Pfizer BionTech”.

Nella giornata di lunedì 15 marzo, gli addetti della struttura farmacia dell’ospedale “Parini”, avevano consegnato al Nucleo antisofisticazioni dei Carabinieri nove flaconi del vaccino “AstraZeneca”, appartenenti al lotto “ABV5811”, in disponibilità alla sede vaccinale del “Palaindoor” di Aosta e che non erano ancora stati inoculati, sulla base del sequestro, in via preventiva, disposto dalla Procura della Repubblica di Biella.

Fonte: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X