Sarah Hegazi non ce l’ha fatta





Si è tolta la vita Sarah Hegazi, la giovane attivista arrestata In Egitto nel settembre 2017 per aver sventolato una bandiera arcobaleno a un concerto dei “Mushrou Leila”, una band molto famosa in Medio Oriente. Il leader della band è gay e, come il resto del gruppo, difende apertamente i diritti di gay e lesbiche.
Dopo due mesi di violenze fisiche e psicologiche da parte dei carcerieri, Sarah è stata rilasciata su cauzione. Riuscita a ottenere la protezione internazionale in Canada, la giovane ha lasciato l’Egitto per il paese nordamericano.
Purtroppo non è mai riuscita a lasciarsi alle spalle del tutto le violenze subite durante la prigionia.
Negli ultimi anni in Egitto la repressione nei confronti degli omosessuali è in costante aumento.

Stefano Tartarotti su Patreon

Stefano Tartarotti su Facebook

Le vignette di Stefano Tartarotti su aostapresse

Precedente
Daria Pulz, consigliera regionale di 'ADU-VdA'

Daria Pulz chiede certezze ed omogeneità nelle regole per la riapertura scolastica: «non giochiamo allo scaricabarile sulle Istituzioni scolastiche»

Prossimo
Waldemaro Flick

Waldemaro Flick racconta "Il Traforo del Monte Bianco ed il Ponte Morandi: Le grandi sfide si possono vincere" [aostapodcast]





Post correlati
Leggi di più

Le multe alle ong che salvano i migranti

Uno dei punti di contrasto nella maggioranza sulla revisione dei decreti sicurezza è che il M5S vuole che rimangano le multe alle Ong.
Leggi di più

Sovranisti sbadati

Alcuni giorni fa, durante un'esercitazione, forze militari polacche hanno invaso per sbaglio la Repubblica Ceca.
Total
0
Share