Scontro tra Arcigay e Renaissance per le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi sul disegno di legge Zan: «la diversità non è negativa»

Scritto da aostapresse

6 Aprile 2021 - 15:00
Giovanni Girardini

«Le recenti dichiarazioni dell’onorevole Vittorio Sgarbi rispetto al disegno di legge Zan, rilasciate in un video sui social, sono agghiaccianti: Sgarbi afferma che l’approvazione della legge contro l’omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo introdurrebbe in Italia “un qualcosa paragonabile alla pedofilia di Stato”, ritenendo che l’omosessualità sia un crimine paragonabile alla pedofilia».

È quanto ha denunciato su “Facebook” l’associazione “Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA” nella giornata di martedì 6 aprile, chiedendo «al consigliere comunale di Aosta Giovanni Girardini, ex candidato sindaco per il movimento “Rinascimento”, fondato dallo stesso Sgarbi, e presidente della quinta Commissione consiliare, controllo e garanzia, ma anche alle consigliere comunali elette per la medesima lista, Roberta Carla Balbis, Eleonora Baccini e Cristina Dattola, di prendere pubblicamente posizione rispetto alle farneticanti dichiarazioni dell’onorevole, che sono un affronto e un’offesa non soltanto alla comunità LGBTQ+ ma a tutte le persone di buon senso».

«Ci tengo a cogliere l’occasione – ha replicato, in una nota, il presidente di Rinascimento Valle d’Aosta, Giovanni Girardini – per precisare per l’ennesima volta che il movimento di cui sono presidente e cofondatore è “Renaissance Vallée d’Aoste”, lo indico in francese così è più chiaro, e non “Rinascimento Italia”. Non è cosa da poco, perché se è vero che noi come Vittorio Sgarbi ci ispiriamo ad un periodo storico quale quello del Rinascimento con l’auspicio che torni di attualità come dopo il Medioevo, è altrettanto vero che l’onorevole Sgarbi quando si esprime non parla a nome di “Renaissance Vallée d’Aoste”, ma a titolo personale o per il Movimento che rappresenta a livello nazionale».

«Devo dire che ho ascoltato con attenzione la dichiarazione rilasciata da Sgarbi relativa al disegno di legge Zan – ha aggiunto l’ex candidato sindaco del capoluogo regionale – e l’ho trovata più che mai equilibrata e giusta. Al di là della frase provocatoria rispetto a quella che lui definisce “pedofilia di Stato”, io credo che le sue parole siano sagge e richiamino al buon senso. Cercando di guardare la nostra società dall’esterno ed in maniera distaccata e neutrale, credo che chiunque non possa che vederci forme di ipocrisia e di forte contraddizione. Si parla sempre di libertà e di diritti che spesso non ci sono se non in forma abbozzata e questo è sicuramente reale rispetto all’omosessualità. Ma se questo è vero, è vero anche che spesso, chi vuole affermare qualcosa che, per lo meno dal mio punto di vista, è senza ombra di dubbio giusto e cioè la libertà di essere quello che si è e si vuole, nel rispetto dell’essere degli altri, si scivola in atteggiamenti estremisti che di buon senso hanno poco».

«Lo dico da omosessuale, ma essere omosessuale o eterosessuale non è la stessa cosa – ha evidenziato ancora Giovanni Girardini – sono due realtà estremamente diverse anche solo per le conseguenze di vita che comportano. Ciò che conta è la libertà e l’accettazione da parte di tutti della libertà dell’altro. Non credo che si debba fare “violenza” sui bambini dicendo loro che non esiste la mamma o il papà ma il “genitore 1” e il “genitore 2” che uno non è maschio o femmina perché non ci deve essere differenza. La verità è che c’è chi nasce maschio perché fatto in un modo e femmina perché fatta in un altro. Quello che è importante è educare i nostri bambini e ragazzi a non vedere la diversità come qualcosa di negativo ed eventualmente ad accompagnarli nella scoperta serena della loro sessualità e nell’accettazione del loro futuro. Tutto il resto per me è forzatura e questo tipo di educazione credo che farebbe danno tanto quanto quella alla quale la gente della mia età è stata sottoposta».

«Rispetto all’atteggiamento dell’Arcigay e di ADU (Giulio Gasperini, rappresentante legale di Arcigay Valle d’Aosta, era candidato a vice sindaco per ADU, n.d.r.) non posso che dire che li trovo totalmente e assolutamente strumentali come spesso accade – ha concluso il consigliere comunale di opposizione – ma ringrazio dell’attacco e della chiamata in causa perché mi fa sempre piacere dire liberamente ciò che penso senza imporlo a nessuno».

Fonti: pagina “Facebook” di “Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA” e Giovanni Girardini

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Pierluigi Marquis chiede trasparenza ai colleghi sulle vaccinazioni. ADU critica: «la classe dirigente salva prima il proprio deretano»

«Come sempre iniziano le speculazioni politico-mediatiche e affiorano insinuazioni su possibili beneficiari furbetti politici e pertanto nel ruolo pubblico di consigliere regionale ritengo doveroso rendere noto che il sottoscritto e i sui familiari, tra i quali come in molte altre famiglie figurano over 80, non sono stati sottoposti a vaccinazione e attendono fiduciosi il proprio turno». È quanto scrive su “Facebook” l’ex presidente della Regione Pierluigi Marquis.

X