Parte dello stupefacente sequestrato dalla Guardia di Finanza nell'operazione 'Feudora'

Sgominata la centrale dello spaccio ad Aosta: dieci persone che lavoravano per Giuseppe Nirta arrestate dalla Guardia di Finanza





Sono iniziate all’alba di martedì 26 maggio le attività degli agenti della Sezione operazioni del Comando regionale della Guardia di Finanza di Aosta che hanno portato al culmine dell’operazione “FeuDora”, indirizzata a contrastare lo spaccio di droghe pesanti in Valle d’Aosta.

Su ordine del Tribunale di Aosta, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica, oltre 70 Fiamme Gialle del Gruppo Aosta hanno eseguito dieci arresti e circa venti perquisizioni fra Valle d’Aosta, Piemonte e Calabria, con l’ausilio di sette unità cinofile antidroga ed un “cash dog”.
L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Aosta, Giuseppe Colazingari, ha disposto il carcere per cinque soggetti, di cui due già detenuti presso le Case circondariali di Brissogne e di Torino, poiché arrestati dalle Fiamme Gialle d’iniziativa in precedenti attività antidroga, e gli arresti domiciliari per altre cinque persone, di cui uno già confinato presso la propria residenza.

Il Tenente Colonello Francesco Caracciolo racconta l'operazione 'Feudora' insieme al Generale Raffaele Caracciolo e con il Tenente Umberto Parente
Il Tenente Colonello Francesco Caracciolo racconta l’operazione “Feudora” insieme al Generale Raffaele Caracciolo e con il Tenente Umberto Parente

Le attività d’indagine, svolte nell’ambito dell’operazione denominata “FeuDora” ed eseguite dal Gruppo Aosta della Guardia di Finanza con il coordinamento del sostituto procuratore Francesco Pizzato, nonché sotto l’attenta direzione del procuratore capo Paolo Fortuna, hanno permesso di ricostruire il flusso e le modalità di approvvigionamento delle droghe pesanti dalla Calabria fino alla Valle d’Aosta. Una volta giunti nel territorio valdostano, gli stupefacenti venivano gestiti, occultati e smerciati nella roccaforte del quartiere “Dora”, di qui il nome dell’operazione, dal noto e pluripregiudicato Giuseppe Nirta.
Nato a San Luca (Reggio Calabria) il 15.02.1952 (68 anni) e residente in Valle a partire dagli anni ’90, risulta gravato da precedenti penali per truffa, associazione per delinquere e stupefacenti. Tratto in arresto nel 1999 e nel 2009 i predetti reati, interdetto dai Pubblici uffici nel 2011, sottoposto alla sorveglianza speciale fra il 2014 e il 2018, il 27 marzo scorso è stato nuovamente arrestato per traffico di sostanze stupefacenti dalle Fiamme Gialle del Gruppo Aosta, poiché sorpreso con quasi un chilogrammo di eroina, arricchendo ulteriormente il suo curriculum criminale.

Proprio in questi giorni, le analisi svolte sull’eroina sequestrata hanno permesso di appurare che si tratta della famigerata “Black tar”, letteralmente “catrame nero”, una tipologia di bassa qualità (per questo ancora più pericolosa) ma che viene scelta per il suo basso costo. Le indagini, tra l’altro portate avanti in piena emergenza epidemiologica da “covid-19”, in pochi mesi hanno portato alla dettagliata ricostruzione di un’articolata piramide criminosa.
Oltre al vertice, occupato da Nirta, un ruolo primario era svolto da Giuseppe Ficara, arrestato, dal quale dipendevano una serie di altri spacciatori: Sebastian Luhring e Massimo Penti, condotti in carcere, nonché Christian Bredy, Adriana Chiambretti (madre di Penti), Marco Casone, Giuseppe Mauri Zavaglia e Roberta Orrù (convivente di Luhring), tutti ai domiciliari. Il quadro delle misure cautelari si arricchisce con gli arresti già eseguiti dello stesso Giuseppe Nirta, Laura Ficara e Daniele Ferrari, i primi due destinatari di un’ulteriore provvedimento restrittivo notificato in carcere.

Le persone coinvolte nell'operazione 'Feudora' della Guardia di Finanza di Aosta
Le persone coinvolte nell’operazione “Feudora” della Guardia di Finanza di Aosta

Nel corso dell’operazione, sorretta da indagini tecniche e da un costante monitoraggio dei tredici indagati e dei loro acquirenti, è stato individuato un “giro d’affari” da circa 70mila euro mensili, determinato anche dal numero dei consumatori individuati, pari ad un centinaio di persone. Nonostante ciò, nove dei dieci arrestati erano percettori del reddito di cittadinanza (l’unico che non lo percepiva era Christian Bredy, in quanto titolare di una pensione a seguito di un incidente stradale, in moto, avvenuto nell’agosto 2019, n.d.r.). Nei confronti di Nirta e di Laura Ficara (sorella di Giuseppe), precedentemente arrestati, il sussidio era stato immediatamente interrotto, analoga azione verrà intrapresa a seguito dei provvedimenti cautelari eseguiti in data odierna anche nei confronti degli altri percettori.

Con svariati sequestri effettuati anche a scapito dei vari consumatori, l’operazione “FeuDora” ha permesso di sottrarre al mercato degli stupefacenti della Valle d’Aosta oltre un chilogrammo di eroina, circa 200 grammi di cocaina e 50 grammi di hashish. Fra i sequestri sono anche da ricordare 60 carati di zaffiri per un valore che oscilla dai 24mila ai 42mila euro, quattro orologi di pregio e circa settemila euro in contanti. Nel corso delle perquisizioni, infine, sono stati ancora rinvenuti circa 15 grammi di eroina, cinque grammi di hashish, altrettanti di marijuana, due piante di marijuana, nonché un coltello e 1.750 euro in contanti.

 

Fonte: Sezione operazioni del Comando regionale Valle d’Aosta della Guardia di Finanza

Precedente
Il pc di Emily Rini durante la riunione del Consiglio Valle (foto da Facebook)

Critiche di Emily Rini ai ritardi della Giunta regionale: «oggi mi sarei aspettata il terzo provvedimento anticrisi». Daria Pulz torna sul "reddito di dignità"

Prossimo
Un momento della conferenza stampa della Guardia di Finanza sull'operazione 'Feudora'

L'operazione "Feudora" della Guardia di Finanza di Aosta contro lo spaccio di eroina e cocaina in Valle d'Aosta [aostapodcast]





Post correlati
Total
0
Share