Solo il trenta per cento della popolazione di Donnas ha partecipato allo screening: scoperti 11 positivi

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 14:00

Sono stati 777 gli aderenti allo screening gratuito su base volontaria dedicato a tutti i residenti e domiciliati nel comune di Donnas (stimati in oltre 2.500 persone, n.d.r.), che si è svolto da mercoledì 31 marzo a venerdì 2 aprile.
“Al termine dei tamponi sono risultate positive undici persone”, si legge in una nota congiunta della Presidenza della Regione Valle d’Aosta e dell’Amministrazione comunale di Donnas.

«Constatiamo un numero basso di aderenti alla campagna screening – ha dichiarato il sindaco, Amedeo Follioley – ma riteniamo che sia stata un’iniziativa importante in quanto sono state intercettate persone positive che altrimenti non sarebbero state individuate. Alla vigilia delle festività pasquali, alla luce dei dati raccolti attraverso lo screening e considerati i numeri crescenti dei contagi in Valle d’Aosta, raccomandiamo il massimo rispetto delle misure anti-covid».

La campagna di screening sul territorio comunale è stata proposta dalla Presidenza della Regione, concertata con l’Amministrazione comunale in seguito al monitoraggio dei contagi da “covid-19” degli ultimi giorni e del relativo rilevamento di alcuni casi di positività al “SARS-CoV-2” sul territorio comunale di Donnas, che a fine marzo erano 48, di cui quattro in ospedale, e trenta persone in isolamento fiduciario.
“Tale misura, di natura preventiva – aveva sottolineato l’Amministrazione regionale, nell’annunciare l’avvio dello screening, raccomandando un’ampia adesione – ha lo scopo di interrompere la catena dei contagi”.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta e pagina “Facebook” del Comune di Donnas

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Un italiano residente in Francia, positivo al covid-19, non ha rispettato gli obblighi di quarantena: fermato al Traforo del Monte Bianco mentre tornava a Milano

Nel pomeriggio di martedì 6 aprile la Polizia di Stato ha denunciato un cittadino italiano residente in Francia per violazione degli obblighi della quarantena obbligatoria: “dagli accertamenti effettuati – si legge in una nota della Questura di Aosta – si è rilevato che il soggetto è positivo e destinatario di ordinanza di quarantena obbligatoria da trascorrere presso il proprio domicilio di Milano”.

Anche in Valle d’Aosta l’obbligo vaccinale contro il covid-19 per chi esercita le professioni sanitarie e gli operatori che si occupano di cura ed assistenza

Il decreto-legge 44 del 1° aprile 2021, all’articolo 4, che contiene disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da Sars-CoV-2, introduce l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza.

X