Solo il trenta per cento della popolazione di Donnas ha partecipato allo screening gratuito: scoperti undici positivi

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 14:00
L'ingresso a Donnas da Pont-Saint-Martin

Sono stati 777 gli aderenti allo screening gratuito su base volontaria dedicato a tutti i residenti e domiciliati nel comune di Donnas (stimati in oltre 2.500 persone, n.d.r.), che si è svolto da mercoledì 31 marzo a venerdì 2 aprile.
“Al termine dei tamponi sono risultate positive undici persone”, si legge in una nota congiunta della Presidenza della Regione Valle d’Aosta e dell’Amministrazione comunale di Donnas.

«Constatiamo un numero basso di aderenti alla campagna screening – ha dichiarato il sindaco, Amedeo Follioley – ma riteniamo che sia stata un’iniziativa importante in quanto sono state intercettate persone positive che altrimenti non sarebbero state individuate. Alla vigilia delle festività pasquali, alla luce dei dati raccolti attraverso lo screening e considerati i numeri crescenti dei contagi in Valle d’Aosta, raccomandiamo il massimo rispetto delle misure anti-covid».

La campagna di screening sul territorio comunale è stata proposta dalla Presidenza della Regione, concertata con l’Amministrazione comunale in seguito al monitoraggio dei contagi da “covid-19” degli ultimi giorni e del relativo rilevamento di alcuni casi di positività al “SARS-CoV-2” sul territorio comunale di Donnas, che a fine marzo erano 48, di cui quattro in ospedale, e trenta persone in isolamento fiduciario.
“Tale misura, di natura preventiva – aveva sottolineato l’Amministrazione regionale, nell’annunciare l’avvio dello screening, raccomandando un’ampia adesione – ha lo scopo di interrompere la catena dei contagi”.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta e pagina “Facebook” del Comune di Donnas

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Sarà l’Esercito a vaccinare gli over-80 delle zone “impervie” della Valle d’Aosta: in arrivo un migliaio di dosi extra per rispettare il piano

«Ho ricevuto proprio pochi minuti fa una telefonata del presidente Mario Draghi che mi ha comunicato che, grazie a una spinta in ambito europeo, già in questo trimestre arriveranno, a livello europeo, cinquanta milioni di dosi in più di “Pfizer” per l’Europa, che tradotte per l’Italia vuol dire, da aprile, da questo mese, oltre 670mila dosi, due milioni e 150mila a maggio, oltre quattro milioni a giugno». Lo ha annunciato, nel pomeriggio di mercoledì 14 aprile, uscendo dal centro vaccinale al “Palaindoor” di Aosta, il Generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza covid-19, in visita in Valle d’Aosta insieme a Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile nazionale.

X