Somministrata, presso l’ospedale “Parini” di Aosta, la terapia di anticorpi monoclonali ai primi pazienti covid positivi «in condizione di fragilità»

Scritto da aostapresse

26 Marzo 2021 - 14:40

Dopo la prima infusione ad un paziente che rientrava nelle categorie con specifiche cliniche appropriate, sono previste per la giornata di venerdì 26 marzo, altre due somministrazioni di anticorpi monoclonali ad altrettanti pazienti in carico alle strutture di medicina interna e malattie infettive dell’ospedale “Parini” di Aosta.

Lo annuncia, in nota, l’Azienda Usl della Valle d’Aosta: “si tratta di farmaci basati su anticorpi ottenuti con procedimenti biotecnologici – si legge – che possono essere somministrati per via endovenosa esclusivamente a pazienti affetti da “Sars CoV-2”, in condizione di fragilità, ad esempio immunodepressi, obesi, con diabete complesso, nefropatici e dializzati. I criteri di selezione dei pazienti ai quali può essere somministrata la terapia monoclonale sono individuati da una specifica procedura, la “Paz 65 – Terapia con anticorpo monoclonale per covid-19”, elaborata ed approvata dalla Direzione strategica dell’Azienda Usl in applicazione alle direttive pubblicate nella “Gazzetta ufficiale” n. 32 dell’8 febbraio 2021″.

«Semplificando per quanto possibile, possiamo dire che gli anticorpi monoclonali sono in grado di riconoscere gli antigeni del coronavirus – spiega il dottor Giulio Doveri, direttore del dipartimento delle discipline mediche dell’Usl e della struttura di medicina interna – che chiamiamo “spike” e che il virus usa per attaccare le cellule, e l’infusione in pazienti covid positivi con determinate condizioni cliniche impediscono lo sviluppo di patologie come la polmonite a rischio di complicanze anche molto gravi».

I pazienti che possono essere sottoposti alla somministrazione della terapia con anticorpi monoclonali vengono segnalati dai medici di medicina generale e dalle “Usca – Unità speciali di continuità assistenziale”: il soccorso sanitario “118” si occupa della fase logistica e dei trasferimenti, i medici internisti ed infettivologi prendono in carico il paziente nella fase di ricovero nel “day hospital” terapeutico del reparto di malattie infettive e ne curano il trattamento. “Usca” e medici di medicina generale, tramite tecnologie di telemedicina, monitorano il paziente nei giorni successivi all’infusione, a domicilio, con il supporto del “118”.

«Le infusioni di questi giorni ci pongono tra i primi centri in Italia ad impiegare questa terapia – aggiunge Angelo Pescarmona, direttore generale dell’Azienda Usl – ed è evidente il grande lavoro di squadra e il coordinamento clinico, terapeutico e logistico finalizzato all’applicazione di quella che può essere considerata, insieme al vaccino, l’arma più efficace per combattere il covid-19. Certamente, il vaccino rimane la soluzione principale, perché consente l’immunizzazione delle persone e la conseguente “immunità di gregge”, obiettivo principale per contenere l’emergenza sanitaria. Gli anticorpi monoclonali permettono di prevenire la polmonite in pazienti covid positivi in particolari condizioni cliniche, con una significativa diminuzione dei ricoveri ospedalieri e della pressione sulle strutture sanitarie».

Fonte: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X