Stato di agitazione del personale della residenza protetta “Domus Pacis” di Donnas «sfiancato da ferie non godute e straordinari importanti»

Scritto da aostapresse

22 Luglio 2020 - 15:50

«Appare sempre più delicata la situazione dei dipendenti della Residenza protetta “Domus Pacis” di Donnas dove, nonostante il nome, sembra non regni troppa “pace”. I lavoratori da anni sono sfiancati da ferie non godute, da straordinari importanti, peraltro non correttamente pagati, e da turni di lavoro massacranti, soprattutto considerato che trattasi prevalentemente di personale sanitario con mansioni e responsabilità di rilievo. Una situazione di questo genere non può più essere tollerata e merita di essere affrontata nelle sedi opportune affinché i lavoratori abbiano finalmente delle risposte esaustive ed il giusto riconoscimento economico».

Lo denuncia Rosita Guido, sindacalista del “Savt – Funzione pubblica” che evidenza che in sindacato «dopo essere stato per troppo tempo inascoltato dall’azienda “Edos Srl” di Firenze, anche a causa di un atteggiamento aziendale fortemente ostruzionistico avverso le relazioni sindacali, ha dichiarato lo stato di agitazione ed avviato le relative procedure. Non possiamo più accettare che quanto previsto contrattualmente non venga puntualmente corrisposto: stiamo parlando, infatti, di un’azienda che negli ultimi tre esercizi ha sempre avuto utili importanti e che, nonostante la solidità economica, non paga gli straordinari ai propri dipendenti e non trova soluzioni rispetto alla carente dotazione organica della struttura».

«Si consideri, inoltre, che i servizi in questione sono dedicati ad un’utenza fragile – ribadisca la sindacalista – e che lo stress lavorativo sopportato dai dipendenti espone a maggiori rischi anche i soggetti che fruiscono del servizio. Sarà cura della nostra Funzione pubblica rappresentare la situazione anche
agli Enti previdenziali ed assicurativi affinché possano valutare se tale gestione del personale abbia avuto ricadute sul tasso di assenza per malattia e/o infortunio».

Fonte: Savt Funzione pubblica

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X