Un controllo della Polizia stradale a Pont-Saint-Martin

Un 33enne di Quart in giro con la sua “500” fermato dalla Polstrada a Pont-St-Martin: guidava con la patente revocata ed era ai “domiciliari”





Nei giorni scorsi, nel corso dei controlli per il contenimento della diffusione del contagio da “covid-19”, intensificati in occasione della festività del 25 aprile, nei pressi del casello autostradale di Pont-Saint-Martin, la Polizia di Stato ha sottoposto a controllo un’autovettura “Fiat 500” condotta da L.S., 33enne residente a Quart.

“Nelle prime fasi degli accertamenti – si legge in una nota della Questura di Aosta – il giovane, privo di documenti, ha dichiarato
falsa identità, affermando di essere di Torino e dando le generalità di un suo parente. Gli agenti della Polizia stradale sono stati insospettiti dall’atteggiamento del soggetto e, con la collaborazione degli operatori della squadra “Volanti” della Questura, hanno accertato la sua identità scoprendo che è sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e, inoltre, ha un provvedimento di revoca della patente di guida”.

Il 33enne “è stato pertanto denunciato per evasione – evidenziano i poliziotti – e gli è stata contestata una sanzione amministrativa di oltre cinquemila euro perché, nonostante avesse la patente revocata, era alla guida di un veicolo. Inoltre, essendosi allontanato dalla propria residenza senza giustificato motivo, gli è stata contestata un’altra sanzione amministrativa di oltre cinquecento euro. Il veicolo con cui viaggiava è stato sottoposto a fermo amministrativo per tre mesi”.

Fonte: Questura di Aosta
Precedente
Il cartello all'ingresso della zona degli orti comunali ad Aosta

Ad Aosta si ripensa la gestione degli orti comunali: «stiamo sviluppando un piano di sicurezza, ma non ci sarà la libertà di prima» annuncia Luca Girasole

Prossimo
Luca Montagnani, coordinatore sanitario dell'emergenza 'coronavirus' in Valle d'Aosta

Luca Montagnani ha evidenziato, in quinta Commissione, la necessità di liberare l'ospedale "Parini" dai pazienti "covid-19" non gravi





Post correlati
L'ingresso dell'ospedale 'Beauregard' di Aosta
Leggi di più

Anche l’Azienda Usl della Valle d’Aosta sta indagando sul caso della bimba deceduta a Torino dopo essere stata per quattro volte al “Beauregard”

In una nota, l'Azienda Usl della Valle d'Aosta dichiara di essere "a conoscenza della vicenda che ha interessato la piccola paziente Valentina Chapellu, trasferita dal reparto di pediatria dell'ospedale "Beauregard" di Aosta al nosocomio "Regina Margherita" di Torino, in cui è deceduta" e specifica che "stiamo raccogliendo tutte le informazioni utili a delineare con chiarezza le dinamiche cliniche del caso".
Total
0
Share