Un freerider italiano 31enne, caduto vicino al Rifugio Torino, è stato soccorso caricandolo nella cabina della funivia “Skyway”

Scritto da aostapresse

28 Febbraio 2020 - 17:20
Un momento dell'intervento di soccorso

Il Soccorso alpino della Valle d’Aosta ha svolto un “un complicato intervento”, come si legge in un post su “Facebook”, nel pomeriggio di venerdì 28 febbraio, “a Courmayeur, a quota 3.300 metri, nella zona in prossimità del Rifugio Torino, sotto i cavi della funivia Skyway Monte Bianco”.

“Si tratta del recupero di uno sciatore freerider caduto, che ha riportato un politrauma – prosegue il post – un elicottero con a bordo una squadra di soccorso ha tentato alcuni avvicinamenti ma il vento forte ne ha impedito l’azione. Pertanto, in accordo con la società Skyway, che ha accordato la massima disponibilità e collaborazione, si è proceduto al fermo temporaneo della cabina, per il tempo strettamente indispensabile all’effettuazione dell’operazione, che è stata portata esattamente sulla verticale dello sciatore infortunato”.

“Una squadra di tecnici del Soccorso alpino valdostano, con il supporto di soccorritori della Guardia di Finanza, si è calata su corda per raggiungere lo sciatore e lo ha issato a bordo della cabina con uno speciale argano a motore – conclude il post sul social network – lo sciatore, italiano di 31 anni, è stato portato in Pronto soccorso ad Aosta ed è ora ricoverato nel reparto di rianimazione in prognosi riservata”.

Fonte: pagina “Facebook” del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Invasione di api alla discarica, dopo che un’arnia è stata buttata via in mezzo al legname. Preoccupazione per il rischio di contagio della peste americana

L’incoscienza di un apicoltore hobbista, che ha gettato nell’isola ecologica un’arnia ancora contenente favi e miele, portata poi insieme ad altro legname nella discarica di Brissogne, ha provocato l’invasione di numerose api nella zona ed il rischio di diffondere ulteriormente in Valle d’Aosta l’epidemia di “peste americana”, una malattia batterica letale che sta decimando gli alveari, in quanto non esiste una cura riconosciuta ed efficace.

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

X