Venerdì 22 maggio riapre il Forte di Bard con il solo accesso pedonale. Prorogata al 24 giugno la mostra “Capolavori Johannesburg Art Gallery”

Scritto da aostapresse

19 Maggio 2020 - 11:50

Il Forte di Bard riapre al pubblico con nuove modalità di accesso e di visita nel rispetto delle direttive regionali e nazionali in materia di contenimento della diffusione del “covid-19”. L’Associazione Forte di Bard ha stabilito per il mese di maggio un’apertura parziale per testare i nuovi percorsi e le misure adottate per garantire il distanziamento sociale ed una visita in sicurezza ai visitatori. Il Forte sarà aperto a partire da venerdì 22 maggio, dal venerdì alla domenica, oltre a martedì 2 giugno, dalle ore 10 alle 18 nei giorni feriali e dalle ore 10 alle 19, sabato, domenica e nei giorni festivi. La modalità e le date di apertura, a decorrere dal 3 giugno, saranno comunicate quanto prima.

«In questa fase 2 è importante che le attività culturali riprendano per garantire a tutti un ritorno alla normalità che si completi anche attraverso l’approfondimento intellettuale – commenta il presidente del Forte di Bard, Ornella Badery – la riapertura del Forte di Bard consente di riattivare un polo di attrazione strategico per la bassa Valle e pone le basi per un ritorno del turismo, soprattutto quello di prossimità, indispensabile per garantire una ripresa economica ed occupazionale alle attività del territorio».

«La bella stagione consente di poter sfruttare gli spazi esterni e la passeggiata di grande suggestione che la salita al Forte da sempre offre, di modo da garantire una riapertura in sicurezza secondo le norme in materia di prevenzione e distanziamento – spiega il direttore del Forte di Bard, Maria Cristina Ronc – con un percorso pedonale obbligato attraverso il Borgo medievale i visitatori potranno vivere un viaggio nella storia, tra gli antichi palazzi e dimore signorili medievali e salire poi lungo la strada panoramica alla scoperta dei corpi di fabbrica della fortezza ottocentesca. L’offerta espositiva attuale sarà prorogata a partire dalla mostra
“Capolavori della Johannesburg Art Gallery” che sarà visitabile sino al 24 giugno. Ringrazio la società “Vidi” per la collaborazione e la disponibilità dimostrate che danno al nostro pubblico la possibilità di poter ammirare queste opere per un periodo che sopperisce in parte alla prolungata chiusura».

Il Forte di Bard pone massima attenzione alla sicurezza. In questa fase di riapertura, si potrà accedere al monumento attraverso la comoda passeggiata panoramica esterna con accesso dal Borgo medievale. I disabili e loro accompagnatori, persone con difficoltà motorie e famiglie con passeggino potranno usufruire degli ascensori panoramici salendo per gruppi omogenei. L’offerta espositiva sarà aperta parzialmente: sarà possibile visitare unicamente la mostra “Capolavori della Johannesburg Art Gallery. Dagli Impressionisti a Picasso” allestita nelle sale delle Cannoniere. Gli altri spazi espositivi temporanei e i musei resteranno chiusi e apriranno nel mese di giugno secondo modalità che verranno comunicate in seguito.

L’accesso al Forte e alla mostra nelle sale delle Cannoniere sarà segnalato con apposita segnaletica orizzontale e verticale; l’ingresso in mostra verrà contingentato dal personale di sala e avverrà secondo un percorso monodirezionale. In bookshop verranno distribuiti guanti monouso per sfogliare i volumi e scegliere i gadget
esposti mentre gel disinfettante sarà a disposizione dell’utenza in ogni sede. Verranno assicurate procedure di igienizzazione ripetute nel corso della giornata e di
sanificazione periodica all’interno delle sale, degli ascensori e delle toilette.

Il Forte di Bard si è dotato di tutti i dispositivi richiesti dai decreti governativi. Il gel disinfettante sarà reperibile agli ingressi e nei punti strategici; percorsi e distanze sono segnalate, un termoscanner all’ingresso potrà rilevare la temperatura dei visitatori e sarà anche in grado, in automatico, di rilevare la presenza o meno della mascherina. I visitatori potranno accedere al Forte solo se muniti di mascherina, a tutti sarà distribuito un dépliant con le norme di comportamento e i percorsi da seguire. Le biglietterie saranno regolarmente funzionanti ma è consigliabile utilizzare il più possibile il canale di vendita online sul sito fortedibard.it ed il loro costo non subirà variazioni. L’accesso al monumento costa tre euro (tariffa unica) ed il biglietto di ingresso agli spazi espositivi include l’accesso al Forte. Verranno organizzati nel medio periodo gruppi di visita numericamente più piccoli: non verrà effettuato un accompagnamento, ma si prevede unicamente una
introduzione generale all’interno della cappella, che consente un adeguato distanziamento. La “Caffetteria di Gola” sarà aperta al pubblico, l’hotel “Cavour et des Officiers” e il ristorante “La Polveriera” resteranno chiusi sino a nuova comunicazione.

La prolungata chiusura del polo museale e culturale ha determinato un cambiamento della programmazione in corso e futura: la mostra “Capolavori della Johannesburg Art Gallery. Dagli Impressionisti a Picasso” è prorogata sino a mercoledì 24 giugno mentre le altre mostre fotografiche saranno tutte prorogate e visitabili nel corso dell’estate, secondo un calendario in fase di definizione.

 

Fonte: Ufficio stampa Forte di Bard

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X