Ripartire, oggi

Scritto da gae

1 Aprile 2021 - 9:00

«Dunque, dove eravamo rimasti?».

Riprendo l’incipit dell’immenso Enzo Tortora, che quand’ero bambino ha suscitato più di una volta la mia curiosità, da presentatore garbato e creatore di idee televisive che ho poi notato spesso sviluppate da altri, anche ad anni di distanza, il quale è stato, suo malgrado, protagonista del più clamoroso errore giudiziario del nostro Paese, errore per il quale nessuno ha mai pagato, una vicenda che, in qualche modo, ha dato il via alla mia passione professionale.
In una giornata dedicata alle burle ed agli scherzi (al momento resto l’unico ad aver vinto ufficialmente un premio per un “pesce d’aprile”) si torna quindi online, dopo il primo avvio “d’emergenza” durante il lockdown di marzo-aprile 2020, seguito, una volta tornati ad una pseudo-normalità, dalla sospensione delle pubblicazioni, in attesa di ottenere le necessarie rassicurazioni per poter fare il proprio lavoro in tranquillità visto che, in una regione seppur così piccola, ci sia una grande quantità di Maestri-del-Giornalismo a cui non vai bene.

Fortunatamente non si è dovuto sopportare il calvario di Enzo Tortora, ma nel nostro piccolo, l’essere costretto a cambiare tutto, a buttare via il lavoro degli ultimi quindici anni (da cui molti hanno tratto, ehm… “ispirazione”) e trovarsi poi professionalmente ed economicamente isolati, ha creato qualche difficoltà oggettiva che, in un mondo come quello del Web, veloce a giudicare ma anche a dimenticare (soprattutto i meriti), rende molto difficile la ripartenza, soffocati anche dalle numerose urla e dalle risatine di chi finalmente ha ottenuto l’obiettivo della vita e, trónfio, esprime la sua grandezza, soprattutto grazie a grandi iniezioni di soldi pubblici.
Tutto questo diventa infinitamente piccolo quando esiste una famiglia solida, quando esistono i (pochi) amici veri che, anche se non si possono più vedere “fisicamente”, ti supportano, ti aiutano e ti stimolano a tornare a fare quello che sai fare, perché in fondo, se è venticinque anni che vivi più o meno autonomamente di giornalismo, «forse è proprio questo il tuo lavoro». E chi osserva il mondo senza pregiudizi ed influenze esterne probabilmente è il tuo migliore consigliere.

Certo, le scelte sbagliate non sono mancate: ricordare la mancanza di lealtà, di rispetto, di gratitudine, nella Settimana Santa, dove il secondo protagonista è un certo Giuda, che per pochi soldi “vende” chi si fidava di lui (il quale, tra l’altro, sapeva benissimo che era inaffidabile) non è che una metafora di ciò che accade tutti i giorni anche in questo settore, dove in molti vogliono metterci le mani, ma sono pochi quelli che sanno lavorare ed ancor meno quelli che riescono a viverci, senza vendersi alle opportunità.
Alla fine saranno poi le rispettive “carriere” ad evidenziare i relativi risultati, ed il karma, prima o poi, arriva per tutti.

Tornando a noi, c’è voluto tempo per cercare di calibrare un’idea di informazione adeguata al 2021, al momento storico che stiamo vivendo, nel luogo in cui stiamo vivendo, con i tempi, le persone e le competenze che abbiamo a disposizione, cercando di offrire un prodotto che non sia l’ennesimo megafono di “questo” o di “quelli”, ma che sia semplicemente interessante, con un occhio attento a come vengono spesi i fondi pubblici, con un orecchio attento a ciò che racconta “chi decide”, ma evitando le tante “marchette” che intasano il flusso informativo, così da poter permettere, a chi decide di leggerci, di farsi un’idea sull’attualità valdostana, di sapere qualcosa di più rispetto a prima.

Certo, tutto questo costa molte risorse e tanto impegno, la ricerca e l’utilizzo di fonti affidabili non è semplice, soprattutto se esistono “cordate” che decidono chi può ottenere le informazioni ufficiali e chi no, ma “il mestiere” si conosce abbastanza per poter offrire un prodotto innovativo ed interessante. Si scriverà di quello che si conosce, con le informazioni “di prima mano”, e se qualcuno sceglierà di informare i propri “seguaci” evitando con cura chi pubblica qui, ce ne faremo una ragione, tant pis.

Questo progetto non potrà essere privo di pubblicità se vorrà avere una prospettiva futura, ma se i lettori vorranno premiarci con il loro supporto (alcune modalità potete leggerle qui) la si potrà mantenere limitata e poco invasiva e, ad un certo punto, si potrebbe anche decidere di togliere banner e spot, e ne saremmo veramente orgogliosi.

Quindi, in conclusione, buona lettura e buon ascolto, si cercherà di essere interessanti ogni giorno, senza rincorrere lo scoop a tutti i costi, valutando bene ogni singola parola, rispettando la deontologia giornalistica, ed evitando il più possibile strafalcioni ed errori.

Per ogni necessità gae@aostapresse.it è a vostra disposizione.

Grazie di essere qui.

(Qui potete vedere il capolavoro che dà il nome a questa sezione).

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

Rollandin, Perron e Lévêque assolti anche in appello dall’accusa di turbativa d’asta: «restano le conseguenze, psicologiche e materiali»

«Non posso che esprimere soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di Torino che conferma quella di assoluzione già emessa in primo grado dal Tribunale di Aosta “perché il fatto non sussiste” in relazione alla mia nomina nel 2015 a presidente della “Finaosta”».
Commenta così Massimo Lévêque, presidente della finanziaria regionale dall’11 agosto 2015 al 31 agosto 2018 in merito al caso giudiziario che lo ha coinvolto insieme all’attuale consigliere regionale Augusto Rollandin ed Ego Perron, rispettivamente presidente della Regione ed assessore regionale alle finanze dal 10 giugno 2014 al 10 marzo 2017.

Resta gratis, per l’utenza, fino al 13 giugno, il trasporto pubblico in Valle d’Aosta: oltre un milione e 300mila euro di finanziamento alle società di trasporti

È stata prorogata fino a domenica 13 giugno, in concomitanza con il termine delle lezioni scolastiche, la gratuità su bus e treni di trasporto pubblico locale. La spesa che interesserà la casse regionali è di 354mila euro, che si aggiungono ai 950mila che erano già stati previsti dalla legge approvata dal Consiglio Valle lo scorso 25 febbraio.

Sarà l’Esercito a vaccinare gli over-80 delle zone “impervie” della Valle d’Aosta: in arrivo un migliaio di dosi extra per rispettare il piano

«Ho ricevuto proprio pochi minuti fa una telefonata del presidente Mario Draghi che mi ha comunicato che, grazie a una spinta in ambito europeo, già in questo trimestre arriveranno, a livello europeo, cinquanta milioni di dosi in più di “Pfizer” per l’Europa, che tradotte per l’Italia vuol dire, da aprile, da questo mese, oltre 670mila dosi, due milioni e 150mila a maggio, oltre quattro milioni a giugno». Lo ha annunciato, nel pomeriggio di mercoledì 14 aprile, uscendo dal centro vaccinale al “Palaindoor” di Aosta, il Generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza covid-19, in visita in Valle d’Aosta insieme a Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile nazionale.

X